Bernardo Bertolucci: No end travelling - al Festival di Cannes presentato il documentario firmato da Mario Sesti

-
69
Bernardo Bertolucci: No end travelling - al Festival di Cannes presentato il documentario firmato da Mario Sesti

Per una vita interna, i nomi di Bernardo Bertolucci e di Marco Bellocchio sono stati fianco a fianco nelle cronache cinematografiche nostrane e mondiali. Due dei più grandi autori della storia del cinema italiano, con due carriere parallele, che ieri, al Festival di Cannes, si sono trovati in qualche modo nuovamente l'uno vicino all'altro.
Perché nella giornata in cui Il Traditore è stato presentato in Concorso, ottenendo una lunghissima ovazione al termine della proiezione ufficiale, nella sezione Cannes Classics è stato mostrato in prima mondiale un documentario firmato dal critico Mario Sesti dal titolo Bernardo Bertolucci: no end travelling, che è parte della serie intitolata Cinecittà – I mestieri del cinema, realizzata da Sesti con Massimiliano De Carolis per Erma pictures in associazione con Istituto Luce-Cinecittà, e in collaborazione con Sky Arte.

Il film si apre con una sequenza inedita di Novecento, che Bertolucci aveva donato a Sesti dopo un incontro col pubblico della Festa del Cinema di Roma, nel corso del quale era stata mostrata.
E tutto il resto di questo documentario è basato su ricordi, frammenti, fotografie, immagini e ricordi del critico, che per anni è stato vicino al grande regista. E attraverso questi ricordi, e le interviste realizzare da Sesti in più occasioni, ecco che , al netto della voce narrante, è lo stesso Bertolucci a raccontarsi al pubblico, ripercorrendo la sua carriera, citando aneddoti su Godard, Billy Wilder, Marlon Brando, Francis Ford Coppola, e lasciando trapelare molto di sé, oltre che della sua idea di cinema, con quella straordinaria abilità di essere colto, intrigante e affascinante affabulatore.

Bernardo Bertolucci: no end travelling è quindi una nuova occasione per ricordare Bertolucci, il suo cinema e la sua vita straordinaria, che il pubblico italiano potrà vedere su Sky Arte il 26 novembre alle 21.15 in occasione della ricorrenza del primo anno dalla scomparsa del regista.



Federico Gironi
  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Lascia un Commento
Lascia un Commento