News Cinema

Becoming: recensione del documentario Netflix Original su Michelle Obama

9

il tour promozionale del suo libro di memorie è l'occasione per conoscere meglio una delle figure più carismatiche e amata dagli americani.

Becoming: recensione del documentario Netflix Original su Michelle Obama

Quello che rimane impresso più a lungo, dopo aver visto il documentario Becoming, dedicato a Michelle Obama, sono gli occhi, gli sguardi. Quelli commossi, emozionati e pieni di rispetto e speranza delle tante persone incontrate dall’ex first lady nel corso del tour promozionale per il suo libro di memorie, per l’appunto anch’esso dal titolo Becoming. Sono per lo più gli occhi di giovani delle minoranze, specie afroamericane, ma anche molti latinos, che nel 2008 erano bambini, ma hanno assorbito come spugne, e una rinnovata speranza di diventare qualcuno, il becoming del titolo. 

Perché il documentario, iper autorizzato e senz’altro ai limiti dell'agiografia, prodotto dalla società di casa Obama, è soprattutto una storia di formazione: quella della sua protagonista, ma di riflesso anche quella delle sue lettrici e delle persone che hanno sognato un futuro diverso, anche solo per aver visto in vita un nero presidente degli Stati Uniti. In questo senso i momenti già intensi sono forse proprio quelli che coinvolgono gli anziani, che si avvicinano a Michelle Obama invariabilmente dicendo le stesse parole, “non avrei mai pensato di vedere in vita mia una cosa del genere”.

Un film pieno di speranza, quindi. Quella speranza che mentre la intervista davanti a una platea di migliaia di persone, nel corso dell’ultima di 34 tappe in giro per l’America, è la parola chiave invocata dal conduttore Stephen Colbert utilizza per definire cosa manchi, oggi, degli anni di presidenza Obama. Anni in cui le parole d’ordine erano proiettate a un futuro, auspicabilmente migliore, possibilmente condiviso. Inutile nascondere come vedere questo documentario in piena decadenza Trump generi vagonate di rammarico misto a nostalgia, anche in chi non è suddito dell’impero del dollaro e vive altri problemi, certo non meno gravi, a un oceano di distanza.

Becoming conferma la grande capacità di convincere e coinvolgere le folle di Michelle, non solo del marito. In fondo è stata lei a fare da tutor a Barack alla scuola di legge di Harvard, “che cliché gli unici due neri dell'università, praticamente, che si mettono insieme”. Come successo un ventennio prima ai Clinton, era lei, Hilary, a doversi avviare verso una carriera politica, così come Michelle aveva assolutamente le qualità per una carriera nel mondo della giurisprudenza e magari in quella politica attiva in cui la vedrebbero a perfezione milioni di americani, proprio come Hilary, magari con risultati migliori.

L’America che vediamo è l’ultima che sperava, invocando addirittura, purtroppo con eccessiva ingenuità, un’epoca post razziale, ma che ha generato nell’altra faccia della luna, quella che malediva con allusioni il secondo nome di Barack, Hussein, e la sua (falsa) nascita all’estero. Quella arrugginita come le fabbriche dismesse del cuore libertario e violento del paese, costituita dagli stessi che si iniettano delle sostanze tossiche in corpo, se lo dice Trump, e che hanno reso tossico in generale il clima politico e sociale della terra delle opportunità.

Dal film emerge quindi il ruolo cruciale di role model della Obama, anche solo per motivare delle minoranze, tali anche per insicurezza auto inflitta, oltre che per le iniquità della società. Uno sguardo nel suo passato, dal rapporto con il padre e la madre a quello con il fratello, il primo a prendere la via di Princeton, e di un’educazione di élite. Non c’è troppo di nuovo, ma il viaggio merita per conoscere meglio la Michelle Obama precedente, e successiva, alla presidenza del marito, poi tenuta a bada dalla realpolitik e dalla necessità di parlare con un teleprompter e un discorso scritto, banalizzando le grandi qualità oratorie e persuasive di una donna di carattere che ha il dono di un grande carisma, e guarda sempre i propri interlocutori negli occhi.



  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming