News Cinema

Auguri, Bruno Bozzetto!

Il 3 marzo del 2008 ha compiuto 70 anni un nostro vivente patrimonio nazionale nel campo dell'animazione e dell'umorismo: il regista e animatore Bruno Bozzetto, che proprio quest'anno festeggia inoltre i suoi 50 anni di gloriosa carriera.


Il 3 marzo del 2008 compie 70 anni un nostro vivente patrimonio nazionale nel campo dell'animazione e dell'umorismo: il regista e animatore Bruno Bozzetto, che proprio quest'anno festeggia inoltre i suoi 50 anni di gloriosa carriera.
Il suo esordio arriva infatti nel 1958, quando realizzò con mezzi di fortuna Tapum! La storia delle armi, cortometraggio in bianco e nero che già conteneva il messaggio di ripudio a guerra e violenza, una costante nella sua poetica. Appena due anni dopo creò il suo proverbiale personaggio, il sig. Rossi, al quale fece vincere addirittura un Oscar in Un Oscar per il signor Rossi nel 1960. Erano gli anni in cui la stagnante animazione italiana fu rilanciata dagli obblighi produttivi imposti dal Carosello televisivo: assieme a Bozzetto, che artigianalmente costruì da zero uno studio d'animazione, ripartì l'attività dello Studio Pagot e si affermò tra le altre la Gamma Film dei Gavioli.

Contrariamente ai suoi colleghi, Bozzetto a metà degli anni Sessanta decise di rigiocare la carta del lungometraggio animato, sparito dalla produzione italiana dai tempi della Rosa di Bagdad di Domeneghini e de I Fratelli Dinamite dei Pagot, entrambi della metà degli anni Quaranta. West and Soda (1965) fu concepito e realizzato eroicamente insieme ai fedeli Guido Manuli, Giovanni Mulazzani, Franco Martelli e Giuseppe Laganà. Parodia surreale del genere western messa in cantiere prima dell'uscita di Per un pugno di dollari, rimane ancora oggi uno spettacolo personale, indipendente, esilarante e professionale, supportato da un doppiaggio strepitoso che vanta tra gli altri Nando Gazzolo nei panni del tormentato pistolero Johnny, e Carletto Romano in quelli del perfido Cattivissimo.

Il secondo tentativo nel lungometraggio, meno indipendente perché cofinanziato da capitali americani, non lasciò nel 1968 altrettanto soddisfatto il suo autore per via di compromessi artistici con la committenza: Vip, Mio Fratello Superuomo, vicenda di Minivip, supereroe inconcludente umiliato dalla perfezione del fratello Supervip, ha però idee geniali, specialmente quando sfodera il suo arsenale satirico contro la pubblicità. Oreste Lionello, doppiando il protagonista imbranato e occhialuto, impostò così la sua caratterizzazione di Woody Allen.
Non convinto dall'esperienza, Bozzetto ritornò ai cortometraggi e il suo stile negli anni Settanta diventa proteiforme. Sempre interessato alla sopravvivenza delle emozioni nella società contemporanea che rischia di schiacciarle, Bozzetto incontrò la controcultura e affrontò vari temi: l'alienazione (l'angoscioso Ego, 1969), il capitalismo del petrolio (in Self Service del 1975 le zanzare prosciugano lentamente un dito, costruendo su di esso una microsocietà comprensiva di mafia), l'erotismo (il velocissimo e delirante Striptease, 1977).

Forte di una partnership artistica che si era venuta a creare con un giovane mimo di nome Maurizio Nichetti, Bozzetto decise di ritentare il lungo, scrivendo insieme a lui e a Guido Manuli l'immortale Allegro non troppo, inchino al Fantasia disneyano, a metà strada tra l'omaggio e la parodia. Vero capolavoro del regista, nel 1977 Bozzetto offrì con esso al pubblico una sequenza di illustrazioni animate di celebri brani di musica classica, ciascuno reso con stili di tratto, animazione e sensibilità del tutto differenti. Se a questo si aggiunge che i cortometraggi sono tenuti insieme da riprese dal vero che ammiccano alle comiche americane corrette da un'aggressività grottesca, considerare Allegro non troppo un'operazione unica nella storia del cinema italiano non è un'esagerazione. Interpellato anni dopo su quale fosse il film d'animazione più riuscito che avesse mai visto, il celebre “old man” disneyano Ward Kimball indicò, con comprensibile sopresa degli astanti, proprio questa pellicola.

Negli anni Ottanta Bozzetto iniziò un duraturo sodalizio con Piero Angela, con il quale realizzò per la RAI “pillole” in animazione di contenuto educativo che vennero di solito trasmesse in Quark e derivati. Il suo gusto “metafisico” crebbe con corti dall'atmosfera rarefatta, come Eldorado (1985) e Mister Tao (1988), quest'ultimo Orso d'Oro a Berlino nel 1990.
Nel 1987 tentò anche la carta del cinema dal vero, dirigendo il fantastico ma poco riuscito Sotto il ristorante cinese, con Claudio Botosso e Amanda Sandrelli. Nel 1991 lo aspettava un riconoscimento ancora più grande: la nomination all'Oscar per il miglior cortometraggio animato. Il toccante Cavallette sintetizza in 9 minuti la tendenza nei secoli imprescindibile degli esseri umani ad eliminarsi tra loro in nome di ideologie, sfruttamento e fanatismo.

Nel 1996 ha impostato con un pilota la serie tv La famiglia Spaghetti, sorta di risposta italiana ai Simpson, che è stata poi realizzata e trasmessa solo dal 2003. Nel 1999, ispirato dall'autarchia che il web offre, così vicina alla sua spartanità artistica degli esordi, si è dedicato alle animazioni in Flash e ha creato praticamente da solo Europa & Italia, un diffusissimo video di 6 minuti stilizzato in cui si ironizza sulla forma mentis italiana in contrapposizione con quella europea.

Il nuovo millennio lo vede produrre vari corti in flash e la serie tv in computer grafica I cosi. Di recente, Bozzetto ha cercato senza successo di trovare finanziatori per un lungometraggio, Mammuk, ora purtroppo cancellato. A testimonianza del segno lasciato dal suo tocco, ultimamente gli spot caricaturali per la bibita Red Bull, non curati da lui, ripropongono uno dei suoi stili preferiti: inquadratura unica, tratto irregolare e leggerezza grafica.
Oltre che per le sue qualità artistiche, Bruno Bozzetto rappresenta un caso unico nell'audiovisivo italiano, per la capacità che ha avuto di far sopravvivere le sue doti artistiche veicolandole tramite cinema, tv e adesso web, aggiornandosi senza spocchia ma con un'instancabile curiosità.
Buon compleanno!

Domenico Misciagna

West and Soda, Vip, mio fratello superuomo e Allegro ma non troppo sono disponibili su DVD 20th Century Fox Home Entertainment.
Il sito ufficiale di Bruno Bozzetto è www.bozzetto.com



  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming