After: ci sarà un sequel anche al cinema o è finita qui?

-
58
After: ci sarà un sequel anche al cinema o è finita qui?

Ci sarà After 2? “Speriamo di sì, dipende tutto da come andrà questo primo film in sala”. Anna Todd ci risponde con un sorriso fra lo speranzoso e il sornione, quando la salutiamo, una volta finita l’intervista video, per chiederle conferma del fatto che vedremo anche al cinema i sequel di After. Tessa e Hardin hanno un futuro già scritto, nei libri che sono partiti come storie condivise sulla piattaforma Wattpad, per poi diventare bestseller nelle librerie di tutto il mondo, fisiche e digitali. In Italia sono cinque libri, in originale quattro, più lo spurio Before, curioso esperimento che racconta la storia di After, ma dal punto di vista di Hardin e non di Tessa.

Pensiamo al secondo libro, Un cuore in mille pezzi, il cui titolo ci suggerisce come la quiete sia apparente e il rapporto fra Tessa e Hardin tormentato, come tutti gli amori assoluti e giovanili. Saprà cambiare per amore? Quante fanciulle e fanciulli se lo chiedono ogni giorno e ogni notte. Non preoccupatevi, niente spoiler, vogliamo solo cercare di capire, in un momento in cui nessuno si sbilancia, se ci saranno altri film della serie. Innanzitutto conforta l’ottimo successo in Italia, e in altri paesi di quell’Europa che rappresenta lo zoccolo duro di fan di After, ancora di più che gli Stati Uniti. In Francia è in uscita, mentre il risultato americano di 6 milioni di dollari per il primo fine settimana, pur apparentemente non roboante, è pur sempre superiore rispetto alle aspettative. After, è bene ricordarlo, è una produzione composita e indipendente, non avendo alle spalle una major americana; non è costato molto, al contrario, con un budget di soli 14 milioni di dollari, a fronte di un incasso che già ha superato i 22 milioni di dollari nella decina di paesi in cui è già uscito, e da pochi giorni.

Difficile prevedere ora a quanto arriverà al box office, ma è difficile immaginare che non superi i 15, 20 milioni di dollari negli USA, e almeno i 50 milioni nel resto del mondo, con buone possibilità che si superino i 100 milioni globali. Risultati che farebbero contenti un po’ tutti i vari distributori del film nel mondo, rendendo ancora più sensata la realizzazione di sequel che potrebbero giovarsi del lavoro di promozione del primo film come base di partenza. Del resto succede praticamente sempre che gli incassi di una serie aumentino con i sequel. Ci sono ottime ragioni, quindi, per pensare che nei prossimi giorni possa essere annunciata la produzione di uno, o magari di più sequel girati più o meno in contemporanea. Sareste contenti di questa novità? Immaginiamo di sì, ma confermatecelo, dandoci la vostra impressione su questo primo capitolo di After, e sulla scelta dei due protagonisti, Josephine Langford e Hero Fiennes Tiffin.



Mauro Donzelli
  • giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Lascia un Commento
Schede di riferimento
Lascia un Commento