Schede di riferimento
News Cinema

365 giorni, la cantante Duffy chiede al boss di Netflix di rimuovere il film erotico: "Rende glamour lo stupro"

39

Nella top ten dei film più visti di Netflix di questi giorni c'è il polacco 365 giorni. La cantante britannica Duffy scrive una lettera Reed Hastings, boss della piattaforma streaming, per far rimuovere il film erotico.

365 giorni, la cantante Duffy chiede al boss di Netflix di rimuovere il film erotico: "Rende glamour lo stupro"

A chiedere pubblicamente la rimozione di 365 giorni dal catalogo di Netflix è la cantante britannica Duffy. Il film erotico, disponibile alla visione dallo scorso 7 giugno, arriva dalla Polonia ed è tra i dieci film più visti sulla piattaforma streaming in molti paesi (tra cui Italia, Stati Uniti e Gran Bretagna). 365 giorni racconta la storia di una donna polacca che sceglie di trascorrere le vacanze con il suo fidanzato in Sicilia, nel tentativo di recuperare il loro rapporto ormai alla fine. Durante una passeggiata serale incontra un certo Don Massimo Torricelli (interpretato dall'attore italiano Michele Morrone) giovane boss di una famiglia mafiosa. L'uomo la rapisce e le condece 365 giorni per innamorarsi di lui. Don Massimo la tiene prigioniera e approfitta del suo corpo per indurla a cedere il suo cuore.

Duffy, che insieme a Adele e alla compianta Amy Winehouse è considerata una stella del soul moderno, ha rivelato lo scorso febbraio di aver vissuto un'esperienza fortemente traumatica: è stata rapita, drogata, tenuta prigioniera e stuprata, senza specificare se tutto questo sia accaduto recentemente o in passato. L'artista ha deciso di scrivere una lettera aperta a Reed Hastings, boss di Netflix, spiegando i motivi per cui il film deve essere rimosso dalla piattaforma.

Leggi anche 365 giorni: il film erotico è tratto dal primo libro di una trilogia

365 giorni: la lettera aperta della cantante Duffy a Reed Hastings, boss di Netflix

Caro Reed,

Di recente ho scritto pubblicamente a proposito di un calvario che ho vissuto. Sono stata drogata, rapita, sfruttata e violentata. Ho rilasciato una dichiarazione sul mio account personale che puoi trovare online in modo più dettagliato su www.duffywords.com. Oggi non so davvero cosa pensare, dire o fare, se non contattarti e spiegarti in questa lettera quanto irresponsabile sia da parte di Netflix trasmettere il film 365 giorni.

Non voglio essere in questo ruolo e doverti scrivere, ma la virtù della mia sofferenza mi obbliga a farlo, a causa di un'esperienza violenta che ho subito del genere che tu hai scelto di presentare come un film erotico per adulti. 365 giorni glorifica la brutale realtà del traffico sessuale, del rapimento e dello stupro. Questa non dovrebbe essere l'idea di intrattenimento di nessuno, né dovrebbe essere descritta come tale, o essere commercializzata in questo modo. Scrivo queste parole (che non posso credere di scrivere nel 2020, con così tante speranze e progressi ottenuti negli ultimi anni), perché si stima che 25 milioni di persone siano attualmente vittime del traffico sessuale in tutto il mondo, per non parlare dell'immensa quantità di persone che non rientrano nel conteggio.

Per favore, prenditi un momento per fermarti e mettere in pausa, e pensa a quel numero, equivalente a quasi metà della popolazione dell'Inghilterra. E di quelle vittime ogni anno, non meno dell'80% sono donne e ragazze e il 50% di loro sono minorenni. Mi rattrista che Netflix offra una piattaforma a questo tipo di "cinema" che erotizza i rapimenti e distorce la violenza e il traffico sessuale presentandolo com un film sexy. Non riesco proprio a capire come Netflix possa trascurare quanto questo fatto sia imprudente, insensibile e pericoloso.

Recentemente il film ha anche spinto alcune giovani donne a chiedere in modo gioviale a Michele Morrone, l'attore protagonista del film, di essere rapite. Sappiamo tutti che Netflix non accetterebbe contenuti che possano rendere glamour la pedofilia, il razzismo, l'omofobia, il genocidio o altri crimini contro l'umanità. Il mondo si alzerebbe in piedi e protesterebbe giustamente. Purtroppo, le vittime dello sfruttamento sessuale e del rapimento sono invisibili, eppure in 365 giorni la loro sofferenza si trasforma in un "dramma erotico", come descritto da Netflix.

E così sono costretta a parlare a loro nome e a chiedervi di correggere questo errore: impegnare le risorse di Netflix e le capacità dei suoi talentuosi cineasti, per produrre e trasmettere contenuti che ritraggano la dura e disperata realtà di ciò che 365 giorni ha cercato di trasformare in un'opera di intrattenimento casual. Mi calmo per spiegarti bene: quando sono stata sfruttata e violentata, sono stata fortunata a uscirne viva, ma troppe persone non sono state così fortunate. E ora devo vedere queste tragedie e la mia tragedia, erotizzata e sminuita. Dove posso girarmi per non guardare se non verso di te contattandoti per iscritto?

Per chiunque possa ripondere "è solo un film", non è "solo", quando ha una grande influenza nel distorcere un argomento ampiamente discusso, come il traffico sessuale e i rapimenti, rendendoli erotici. E poiché 365 giorni si è rivelato estremamente popolare, mi rivolgo direttamente con questa lettera anche agli spettatori. Incoraggio i milioni di persone che hanno apprezzato il film a riflettere sulla realtà del rapimento, della tratta degli esseri umani e dello sfruttamento sessuale e su un'esperienza che è l'opposto della lucida fantasia rappresentata in 365 giorni.

Mentre ci avviciniamo alla giornata mondiale contro la tratta degli esseri umani il 30 luglio, incoraggio Netflix e tutti coloro che hanno visto 365 giorni a saperne di più visitando www.unodc.org/unodc/en/human-trafficking/what-is-human-trafficking e a impegnarsi a fare la differenza per organizzazioni come: catwinternational.org, hopeforjustice.org, polarisproject.org, antislavery.org, stopthetraffik.org, unseenuk.org, notforsalecampaign.org, ijm.org, a21.org e madeforthem.org.

Se tutti voi di Netflix non trarrete nulla da questa lettera aperta, eccetto queste ultime righe, sarei contenta. Non vi siete resi conto di come 365 giorni abbia arrecato un grande danno a coloro che hanno sopportato i dolori e gli orrori che questo film rende glamour, in nome dell'intrattenimento e dei dollari. Per me e per gli altri che conoscono queste ingiustizie è esattamente l'opposto: una narrazione di verità, speranza e di cui dare voce.
Quando conosciamo meglio le cose, le facciamo meglio.
Duffy.



  • Giornalista cinematografico
  • Copywriter e autore di format TV/Web
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming