Interviste Cinema

Uomini che odiano le donne: le nostre interviste

In occasione della presentazione dell’atteso Uomini che odiano le donne, trasposizione cinematografica del best-seller di Stieg Larsson, abbiamo incontrato il regista Niels Arden Oplev e la giovane protagonista, Noomi Rapace, che interpreta il ruolo già cult di Lisbeth Salander.

Uomini che odiano le donne: le nostre interviste

Uomini che odiano le donne: le nostre interviste

Con le sue 450 copie di distribuzione, Uomini che odiano le donne non è soltanto il film più importante in uscita il prossimo weekend, ma anche uno dei thriller più attesi dell’ultimo periodo. Il romanzo omonimo da cui è tratto, scritto dallo scomparso Stieg Larsson, si è rivelato uno dei fenomeni letterari più imponenti di questo nuovo millennio, superando i dodici milioni di copie vendute in tutto il mondo. A presentare la trasposizione cinematografica di Uomini che odiano le donne, già un successo strepitoso nei paesi scandinavi, il regista del film Niels Arden Oplev e la giovane protagonista, Noomi Rapace, a cui è stato affidato il personaggio amatissimo di Lisbeth Salander.

“Quello di cui bisogna tener conto fin da principio nel libro di Larsson – chiarisce subito il regista – è l’aspetto storico che influenza tutta la vicenda. Il passato che interagisce col presente, e ne determina i lati oscuri. Io personalmente, dopo aver letto il libro, mi sono concentrato in particolare sul messaggio politico che ho visto contenuto dietro la trama gialla: ho cercato di mettere in scena una società patriarcale in cui le donne sono ancora costrette a subire violenze e soprusi inauditi”. Dopo aver diretto quattro film drammatici, Niels Arden Oplev si è trovato a confrontarsi con un thriller attesissimo. Come ha lavorato con tanta pressione addosso? “Un film di queste dimensioni e di queste aspettative può essere realizzato in molti modi differenti. Io ho scelto di mantenere una qualità sempre molto alta, lavorando con precisione su ogni inquadratura. Questo ha comportato prendere molto tempo con i miei due protagonisti per girare le scene più difficili. Dal momento che ho preteso ed ottenuto il completo controllo artistico su ogni fase della lavorazione di Uomini che odiano le donne, per i produttori non è stato facilissimo. Ad esempio, i giorni di lavorazione sono passati dai 60 previsti agli 85 finali, il che ha significato un budget più grande di quanto avevano messo in cantiere”.

Anche a Noomi Rapace abbiamo chiesto come ha affrontato le aspettative relative al suo ruolo: “Ho deciso razionalmente di evitare sul set tutte le pressioni provenienti dall’esterno. Siccome sapevamo che non avremmo potuto soddisfare tutti, ci siamo concentrati soltanto su quello che andava bene per noi. Io ad esempio ho costruito una Lisbeth leggermente differente rispetto a quella scritta da Larsson: è più realistica, io l’ho resa un po’ più mascolina, quindi capace di combattere e soprattutto di difendersi. Mi sono allenata con la thai-boxe, ed ho imparato ad andare in bicicletta. Pur mantenendo tutta la complessità delle pagine originali, mi sembra che siamo riusciti a renderla più comprensibile”. Nel corso della storia Lisbeth deve affrontare prove durissime, che la costringono a scelte non facili…"Lisbeth può essere considerata una “underdog”, ma quello che la contraddistingue è che non rinuncia mai a lottare, non si lascia andare all’autocommiserazione. Invece di farsi annichilire dalla violenza, reagisce e controbatte. Anche quando è costretta ai soprusi del suo tutore, non si comporta come la maggior parte delle donne che, subita violenza, si chiudono in se stesse e si odiano. Lei ribalta la situazione e si prende la sua vendetta. Se a livello razionale capisco che quella di Lisbeth non è la risposta giusta al problema, tuttavia credo sia comunque migliore che non reagire, che chiudersi in un dolore devastante”.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Critico cinematografico
  • Corrispondente dagli Stati Uniti
Suggerisci una correzione per l'articolo