Interviste Cinema

Une vie meilleure - Incontro con il regista Cédric Kahn

6

Une vie meilleure, una vita migliore. Un titolo che è un vero manifesto che racconta il film di Cédric Kahn presentato in concorso al Festival di Roma.

Une vie meilleure - Incontro con il regista Cédric Kahn

Vai allo speciale Festival di Roma 2011


Une vie meilleure - Incontro con il regista Cédric Kahn


Une vie meilleure (Una vita migliore). Un titolo che è un vero manifesto che racconta il film di Cédric Kahn presentato in concorso al Festival di Roma. Protagonista assoluto è un intenso e ottimo Guillaume Canet che interpreta un cuoco di mensa scolastica che sogna di aprire un ristorante e di avere finalmente la sua opportunità di mostrare quanto vale ed ottenere una vita migliore. Ma il sistema economico e bancario non lo aiuta, anzi facilita l’inizio di una serie di eventi che lo porteranno sul lastrico, ma mai domo, sempre pronto a lottare, irrazionale, ostinato, cocciuto. Ad accompagnarlo nel suo sogno una cameriera, sua compagna, e il figlio di lei. Abbiamo incontrato Kahn in occasione del Festival di Roma:

Questa storia da un punto di vista è terribile ma allo stesso tempo c'è qualche momento di speranza per cercare, in un certo senso, di bilanciare la vita tra gli aspetti più brutti e quelli più belli?

Si è stata l'idea del progetto, quella di mostrare la tragedia degli adulti che hanno problemi economici, solo perché hanno voluto migliorare la loro vita. I personaggi sono legati dall'amore, non solo l'amore tra due personaggi adulti ma anche l'amore che provano per il bambino e soprattutto l'uomo che arriva nella vita del bambino e che gli ridà la speranza.

C'è molto rabbia, rabbia contenuta, interiore. Come ha lavorato con Guillame Canet, per rappresentarlo sullo schermo la sua la rabbia trattenuta che può scoppiare da un momento all'altro?

E' il lavoro dell' attore, il suo fondersi con l'universo del film, il personaggio è combattivo, non si rassegna mai neanche alla fine quando non è rimasta più alcuna soluzione, decide di prendere i soldi per provare a fuggire. Credo che Guillame sia un attore molto bravo, ha interpretato in chiave giusta il personaggio, comprendendo la sua rabbia. Io ho cercato soprattutto di aiutare gli attori a tradire il meno possibile attraverso i luoghi, le frasi, gli altri attori- Abbiamo girato in luoghi veri dove vivono famiglie molto povere, in case occupate. Penso che il contesto abbia aiutato ad avvicinarci alla verità.
Siamo al bordo della legalità, si sa, ma non c'è soluzione. E' l'ingenuità a far credere che il sogno sia possibile, ma anche la società. I protagonisti sono ingenui come molta gente lo è nella vita di tutti i giorni, proprio anche perché viene illusa dal sistema economico esistente.

Com'è stato lavorare con i giovani, tutti dicono che è difficile lavorare con i giovani, con i bambini?

Io ho trovato un bambino la cui personalità mi interessava, e in seguito gli ho lasciato molto spazio e libertà per fargli esprimere la sua personalità nel film. E' stato molto difficile per gli attori e per la troupe dare al bambino questa libertà, per non farlo vivere sempre nel contesto del film. Per me è stato fantastico.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • critico e giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo