Interviste Cinema

Una stripper vi seppellirà: Lorene Scafaria presenta alla Festa del Cinema di Roma Le Ragazze di Wall Street

Il film con Jennifer Lopez lap dancer super sexy e con Constance Wu celebra il Girl Power e condanna il capitalismo USA.

Una stripper vi seppellirà: Lorene Scafaria presenta alla Festa del Cinema di Roma Le Ragazze di Wall Street

Sarebbe riduttivo, infelice e anche un po’ discriminatorio parlare di Jennifer Lopez solamente come del "fondoschiena più bello del cinema hollywoodiano", ma a guardarla mentre esegue a meraviglia un numero di lap dance in uno strip club di New York viene in mente proprio questa definizione, perché l'attrice/cantante/ballerina che a cinquant'anni è più in forma che mai è davvero uno schianto, e chi questa mattina, di buon'ora, ha visto, alla Festa del Cinema di Roma, Le ragazze di Wall Street di Lorene Scafaria, è uscito dalla Sala Sinopoli invidiando il corpo di J-Lo o con il desiderio di ammirarlo dal vivo. Jenny from the Block, però, non solo è bella, ma è anche bravissima, ed è di lei che parla diffusamente la regista durante la conferenza stampa della commedia che in Nord America ha fatto scintille, incassando oltre 100 milioni di dollari: "Jennifer è la donna che lavora più sodo nel mondo dello showbusiness ed è molto più in forma di qualsiasi uomo che abbia mai conosciuto. Si è buttata a capofitto nel ruolo, rafforzando, in sei settimane, muscoli che nemmeno lei pensava di avere. Si esercitava dalla mattina alla sera con un palo e nella sua recitazione non c'era mai una nota falsa. Come Ramona, Jennifer è calda, materna e nello stesso tempo dura e cool. Non mi aspettavo che ballasse come una spogliarellista professionista, invece, a due settimane dall'inizio delle riprese, ho visto la sua coreografia e sono rimasta a bocca aperta".

La Ramona Vega impersonata da Jennifer Lopez è un personaggio realmente esistito, una scaltra spogliarellista che, insieme ad alcune colleghe, truffò diversi broker di Wall Street, o comunque facoltosi abitanti della Grande Mela, prosciugando le loro carte di credito dopo averli drogati. Delle malefatte del gruppetto di scaltre ragazze ha scritto una giornalista in un articolo della rivista New York che è finito nelle mani della regista: "Ho cercato di leggere fra le righe dell'articolo, poi sono andata in molti strip club e ho incontrato diverse spogliarelliste. Abbiamo parlato della crisi finanziaria, che ha avuto un impatto pesante sul loro settore, in particolare a New York e nei dintorni di Wall Street. Dopo il crash del 2008, molte stripper sono tornate a fare le casalinghe. Ogni donna aveva una storia diversa da narrare e una ragione diversa per fare quel mestiere. Ho conosciuto anche la spogliarellista più felice del mondo. Lavorava per un mese, poi suonava in una band. Ogni stripper aveva dei sogni, e soldi facili che a volte non bastavano per pagare le bollette".

Attraverso la vicenda di Ramona, di Destiny (Constance Wu) e della loro combriccola, Lorene Scafaria ha voluto raccontare un mondo che solitamente viene osservato dal di fuori: "In tanti film ci sono scene di spogliarelli, ma vengono mostrate dal punto di vista dei clienti. Io volevo invece privilegiare la prospettiva delle ragazze, che in fondo sono delle emarginate. Provo empatia nei loro confronti, e mi dispiace che non soltanto loro, ma tutte le donne, vengano giudicate in base al loro aspetto fisico. Alla stessa maniera non sopporto che il valore degli uomini si misuri in base al potere e al denaro che hanno".

Attraverso il film, dunque, la regista ha voluto denunciare l'assurdità di un sistema di valori che è il prodotto del capitalismo americano: "Il capitalismo è la peggior forma di sfruttamento che ci possa essere" - spiega. "E’ un sistema che serve a far rimanere poveri i poveri e ricchi i ricchi. Le ragazze di Wall Street è anche una storia di persone che cercano di sopravvivere in questo mondo assurdo".  

Le persone di cui parla la Scafaria, sono costrette a danzare, mentre i privilegiati hanno l'onore di lanciare bigliettoni: "Chi ha vissuto almeno una volta l'esperienza del non avere soldi è quello che balla, io stessa ho 'ballato' per trovare il denaro per il film, ma è così che vanno le cose da noi, quindi non c'è da stupirsi se a un certo punto è scoppiata la crisi finanziaria. Gli anni ’90 sono stati folli, poi sono arrivati l'11 settembre, gli smartphone, il crollo economico. Questo film si rivolge a tutti quelli che non fanno parte di quell'uno per cento schifosamente ricco e che quindi possono tranquillamente identificarsi con le mie spogliarelliste".

Che gli spettatori non solo degli Stati Uniti ma anche degli altri paesi in cui è uscito Le ragazze di Wall Street si siano riconosciuti nelle stripper del film lo dimostra, come abbiamo già detto, il successo al botteghino, un risultato che la Scafaria proprio non si aspettava: "Sono rimasta veramente colpita dalla risposta del pubblico. Quando ho visto il film in sala, ho notato che c'erano persone di ogni tipo, e la cosa mi ha fatto piacere, perché forse ognuno cercava qualcosa di diverso: chi un film sulle spogliarelliste, chi una storia di amicizia, chi una vicenda sul peso delle scelte che si compiono".

A proposito di scelte, anche se Le ragazze di Wall Street è un film sul girl power, Lorene Scafaria non sta completamente dalla parte di Ramona e un po’ di compassione per gli uomini da lei presi per il naso e derubati ce l'ha: "Nessuno merita di essere drogato e derubato, conosciamo tutti la differenza fra giusto e sbagliato. Le ragazze del film hanno indubbiamente superato una certa soglia. Lo spettatore simpatizza con loro, però io non faccio il tifo per Ramona. Le sue argomentazioni sono forti, ma è un personaggio completamente privo di compassione. La gente pensa che le registe donne siano sempre solidali con i personaggi femminili che costruiscono. A volte non è così".



  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming