Interviste Cinema

Tutto il mio folle amore: il ritorno alla fuga di Gabriele Salvatores a Venezia 2019

5

Claudio Santamaria e Valeria Golino nel nuovo film del regista premio oscar presentato fuori concorso.

Tutto il mio folle amore: il ritorno alla fuga di Gabriele Salvatores a Venezia 2019

“Il sogno di stare lì dove la vira scorre”. È così, con le sue consuete parole sagge e mai banali che Gabriele Salvatores spiega il motivo del suo ritorno sulla strada, in un nuovo film in fuga dopo molti anni dai suoi film classici e giovanili, che lo hanno reso uno dei nostri autori più amati. Per farlo ha adattato, seppure molto liberamente, il libro Se ti abbraccio non aver paura, in cui l’autore Fulvio Ervas aveva raccontato nel 2012 il suo viaggio con il figlio autistico.

“Un proverbio cinese dice: fai come l’acqua, vai dove ci sono i luoghi bassi, lì c’è la vera vita. Uno scrittore che si chiamava Shakespeare amava già spostare i suoi personaggi verso luoghi diversi dai loro, perché nel viaggio si è più indifesi e vulnerabili. A proposito, l’acqua è molto importante nel film, soprattutto per Il personaggio di Valeria Golino, una madre in difficoltà nel rapporto con il figlio, quasi in preda al senso di colpa e di vergogna. La vediamo nella prima e (quasi) nell’ultima scena stare in acqua. Ripartorisce suo figlio, in qualche modo. Nel film avevamo bisogno di un confine, anche metaforico, e l’unico rimasto è quello verso la Croazia, verso quei Balcani che hanno in comune con la città in cui sono nato, Napoli, una malinconia e una visione fatalista della vita, come sa benissimo uno degli sceneggiatori, Umberto Contarello, che ha tutte e due le componenti. Trieste è un posto a cui sono molto legato, l’unica città in cui potrei andare a vivere, anche se a Milano sto bene e non me ne vado. Non so se tornerò a fare film in fuga, ci sono anche i viaggi interiori, che sono meno faticosi”.

La fuga è quella che vede coinvolto Claudio Santamaria, il Domenico Modugno della Dalmazia, che canta in improbabile eventi e matrimoni del nord est, insieme al figlio autistico, che vede per la prima volta dopo essere scappato sedici anni prima, facendolo crescere come madre single a Valeria Golino, con il nuovo compagno Diego Abatantuonoassente a Venezia. Non è stata facile la ricerca del ragazzo, come conferma il regista. “Abbiamo fatto una ricerca particolare, con il direttore di casting. Siamo andati a vedere le pagelle di ammissione del Centro sperimentale e abbiamo visto gli ultimi scartati, e abbiamo trovato Giulio Pranno, che naturalmente non è autistico. Aveva ormai rinunciato anche a sognare di fare l’attore, ma è arrivato al provino preparato. Io dico che la tecnica serve relativamente, per fare l’attore servono soprattutto un gran cuore, rischiare e non avere paura, facendolo con sincerità. Lui aveva già tutte queste doti e per certi versi è stato facile. Poi gli attori per me sono anche autori del film, e quindi l’ha scritto insieme a Claudio, Valeria e Diego Abatantuono.”

Solidarietà al giovane esordiente da Claudio Santamaria, il padre nel film. “Anche io sono stato bocciato al Centro sperimentale. Sul set gliene abbiamo dette di tutti i colori, fra i monti, lanciando sassi in aria, è stata la nostra vendetta. A parte gli scherzi, il film è solo ispirato al libro, ha una forma di autismo, ma senza una caratteristica particolare, se non il folle amore che non riesce a esprimere a pieno. Abbiamo fatto un lavoro con grande libertà espressiva, io e Valeria insieme a Giulio abbiamo dovuto abbandonarci anche alla sorpresa, grazie alla sensibilità di Gabriele e Giulio. Un viaggio fuori, ma anche dentro di noi, attraverso quello che ci risuonava, anche improvvisando. Il mio personaggio sa che è strano, non che è autistico, per cui lo tratta da pari a pari, senza pietismi. Il ragazzo esprime il suo amore e diventa uomo, io imparo a essere padre e ricucio la ferita aperta sedici anni prima, quando ero scappato. Ci sono persone che nascono con istinto materno o paterno, ma io credo che si possa imparare a essere genitore”.

Tutto il mio folle amore di Gabriele Salvatores, dopo la presentazione in tarda serata al Festival di Venezia, uscirà nelle nostre sale il 24 ottobre per 01 Distribution.



  • giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming