Interviste Cinema

Timur Bekmambetov ci parla dello scatenato action movie Wanted - Scegli il tuo destino

Ci voleva un europeo per dirigere un fumettone come Wanted - Scegli il tuo destino, secondo la Universal che l’ha prodotto. Per discostarsi dai kolossal d’azione sovraccarichi di effetti speciali è stato scelto un regista russo nato 47 anni fa: Timur Bekmambetov.

Timur Bekmambetov ci parla dello scatenato action movie Wanted - Scegli il tuo destino

Wanted - Scegli il tuo destino: parla il regista Timur Bekmambetov

Ci voleva un europeo per dirigere un fumettone come Wanted - Scegli il tuo destino, secondo la Universal che l’ha prodotto. Per discostarsi dai soliti kolossal d’azione sovraccarichi di effetti speciali è stato scelto un regista russo nato 47 anni fa in quella parte di Unione Sovietica che oggi è il Kazakistan.
Timur Bekmambetov
si è fatto conoscere con I guardiani della notte nel 2004 e riconoscere due anni dopo con I guardiani del giorno, due dei più grandi successi che il box office russo abbia mai conosciuto. I produttori hanno visto in quei film le qualità e l’inventiva del regista necessarie per dare originalità a Wanted e “sporcarlo” a sufficienza affinché potesse levarsi di dosso quella patina americana di cortesia.

La graphic novel di Mark Millar e J.G. Jones dalla quale il film è tratto è nota per il suo esasperante pessimismo e l’adattamento cinematografico non poteva e non doveva essere troppo divergente, nonostante fosse una major di Hollywood a metter mano al portafoglio. Bekmambetov aveva già avuto a che fare con l’eterna lotta tra le forze del bene e del male e qui ha trovato pane per i suoi denti grazie alla Confraternita, una congrega di assassini che ammazzano a sangue freddo (e a fin di bene) sconosciuti criminali. Che questi ultimi siano pericolosi per la società e debbano essere sterminati lo dice un telaio gigante che tesse i nomi dei bersagli. La domanda è: chi tesse la tela? Risposta: il fato.

“Quando ho ricevuto la sceneggiatura mi è sembrata da subito molto interessante, poi ho letto il romanzo a fumetti, che ha cambiato la mia prospettiva, mi ha colpito” confessa Bekmambetov sbarcato a Roma per la promozione del film. Il regista tiene a precisare però che “il concetto del film è un passo avanti al fumetto, è successivo anche a livello logico” e se la graphic novel è provocatoria e pone domande “il film suggerisce le risposte”.

Ma Bekmambetov respinge le evidenti analogie con Matrix, non solo per le pallottole rallentate e la stessa tecniche di ripresa circolare intorno agli attori. “Qui c’è ironia, nel film dei fratelli Wachowski no e l’ironia è un’arma più feroce”, di questo né è convinto il regista russo, a patto che sia supportata da un buon script e dalle gag visive che dilagano nella prima parte del film. Un picco lo raggiunge la scena in cui quattro tasti e un dente compongono in slow motion la scritta “Fuck You” dopo che una tastiera è stata frantumata da James McAvoy sulla faccia di un collega.

Riguardo al confronto che alcuni critici hanno fatto tra il suo stile e quello di Quentin Tarantino trovando delle similitudini, risponde secco “mi chiamo Bekmambetov, il mio è un nome kazako, sono onorato del paragone, ma facciamo cose molto differenti”.

Oltre al giovane attore scozzese James McAvoy, Bekmambetov ha avuto la fortuna di dirigere nientemeno che Angelina Jolie, qui - se possibile - bella come mai in precedenza, che interpreta una spietata killer. “Quando l’ho incontrata mi ha dato immediatamente il suo forte apporto creativo” continua il regista. “Ogni uomo ha bisogno di una donna per essere formato alla vita” dice riferendosi al personaggio di Angelina che erudisce e addestra McAvoy all’omicidio.

Ma Timur Bekmambetov non lascia la stampa italiana a bocca asciutta e, dopo aver schivato una domanda sul futuro di George W. Bush in questi giorni a Roma, rivela di essersi dedicato al cinema grazie a Marco Ferreri quando 25 anni fa vide il suo Dillinger è morto.

Quanto a colpi di scena lo si era capito qualche giorno fa che fosse esperto. Un video caricato su YouTube, visto da 11 milioni di persone, in cui un impiegato dà in escandescenze in un ufficio di Mosca è un falso ed è opera sua. “Lo abbiamo realizzato per il mercato russo, forse è la prima volta che un regista che fa un film a Hollywood crea un prodotto per il suo paese” conclude con un certo orgoglio Bekmabetov.

È servito come esca per le sue vittime, gli spettatori che ora avranno una ragione in più, oltre alla Jolie, per andare a vedere in sala dal 2 luglio Wanted - Scegli il tuo destino.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming