Schede di riferimento
Interviste Cinema

Raoul Bova e Michelle Hunziker contro la violenza sulle donne

Presentato a Roma il corto diretto dall'attore e nato per comunicare e sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi delle discriminazioni, stalking, abusi e violenze subite dalle donne.

Raoul Bova e Michelle Hunziker contro la violenza sulle donne

Raoul Bova e Michelle Hunziker contro la violenza sulle donne

Nel 2010, il numero delle donne che nell'arco della vita hanno subito violenze verbali, fisiche e sessuali è arrivato a 10 milioni e 485 mila. Molte di loro non hanno avuto il coraggio di denunciare l'abuso per paura di essere gudicate o semplicemente non credute. Di questa incapacità di chiedere aiuto e di questo silenzio che impedisce di reagire alla violazione dei diritti fondamentali dell'essere umano parla un film fortemente voluto dall'Associazione umanitaria Mediafriends: il cortometraggio Amore Nero, che segna il debutto dietro la macchina da presa di Raoul Bova.

"Sono sempre favorevole a queste iniziative" - ci ha spiegato l'attore in occasione della presentazione del progetto alla Casa del Cinema di Roma. "Credo infatti che con il cinema possiamo sensibilizzare l'opinione pubblica. Mi ha emozionato dirigere questo film, che ha coinvolto, non solo praticamente, ma anche emotivamente, un ottimo gruppo di lavoro. Girandolo, e scrivendolo, mi sono reso conto di quanta gente, al mondo, abbia davvero voglia di aiutare il prossimo comunicando sentimenti positivi. Ci sono tante persone indifese, ma per fortuna esistono anche tante associazioni pronte a difenderle. Per tutte queste ragioni, non mi sento di parlare tanto di un film diretto da Raoul Bova, quanto piuttosto di un progetto più ampio che va ben al di là delle singole competenze".

A interpretare la protagonista di Amore Nero, che subisce violeza dal marito, non trova il coraggio di denunciarlo e si sente ripetere dalla madre che i panni sporchi è meglio lavarli a casa propria, è Michelle Hunziker, che attraverso la fondazione Doppia Difesa, creata insieme all'avvocato Giulia Bongiorno, fornisce assistenza e consulenza psicologia e legale alle donne e ai bambini vittime di violenza. "All'inizio non volevo essere io l'interprete principale perchè temevo si creasse una confusione fra il mio impegno sociale e il mio lavoro di attrice. Mi spaventava, inoltre, l'idea di un film drammatico. La commedia in questo momento è il genere che mi si addice di più, perché in tempi di crisi, mi piace avere la possibilità di far ridere la gente".

Per calarsi nel ruolo di una donna annichilita dalla paura e distrutta dal dolore, Michelle Hunziker ha dovuto fare un grosso lavoro su se stessa. "Ho cercato di svuotarmi completamente. Ho dovuto mettere da parte la mia personalità, il mio ottimismo e la mia naturale allegria. Sono dovuta entrare nei sentimenti e nelle emozioni di tutte quelle donne che ho incontrato grazie a Doppia Difesa. Avevo paura di tradirle e di non essere all'altezza del compito".

Per Raoul Bova, invece, la difficoltà è stata la sceneggiatura. "Più che violenza in sé, volevo mostrare la frustrazione, la vergogna e l'impotenza che l'accompagnano. A volte, chi denuncia, crede di fare danni, di rovinare anche altre persone. Volevamo che il racconto di queste incertezze e di questo blocco risultasse credibile. Così abbiamo consultato alcuni psicologi e parlato a lungo con donne che avevano subito violenza. Volevamo che la frasi pronunciate da Michelle fossero quelle che vengono dette nella realtà. Abbiamo anche voluto prestare attenzione al contesto sociale a cui alcune di queste donne appartengono. In Italia, soprattutto in alcuni paesi, ancora si pensa che per una donna la massima aspirazione sia trovare marito. Ricordo di aver sentito, quando ero bambino, frasi del tipo: 'Il matrimonio è la cosa più giusta che tu abbia mai fatto'. C'è qualcuno che ancora le pronuncia, e ho voluto che fossero parte di Amore Nero".

Quanto alla direzione d'attori, Raoul Bova l'ha trovata un compito abbastanza semplice. "Sono anni che faccio l'attore e sui set qualcosa ho imparato. Siccome mi è capitato a volte di sentirmi trascurato, ho cercato di coccolare i miei attori. Fare il regista non è semplice e sono convinto che ci voglia un grande studio tecnico, anche se, alla fine, la cosa più importante è la passione per un progetto, è credere in ciò che si fa".

Che Raoul Bova sia un bravo regista, ce lo conferma Michelle Hunziker. "Raoul mi ha seguito tantissimo. A volte restavamo tutta la notte sul set finché la scena non veniva perfettamente. Mi ha anche aiutato a superare qualche momento di crisi, perché essendo stata io stessa vittima di stalking per molto tempo, ho rivissuto l'angoscia di quell'esperienza".

Amore Nero non uscirà al cinema, ma direttamente in DVD, accompagnato da un backstage, da interviste a Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno e dal docufilm di Roberto Burchielli La vittima e il carnefice. Il ricavato delle vendite sarà interamente devoluto a Mediafriends per supportare il lavoro della Fondazione Doppia Difesa.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per l'articolo