Schede di riferimento
Interviste Cinema

Nick Hornby ci racconta del lavoro di sceneggiatore in An Education

An Education, il film di Lone Scherfig d'imminente uscita, non è solo il film-sopresa dei BAFTA, grazie alle 8 nomination ottenute (lo stesso numero dell'acclamato Avatar). An Education è anche il film che ha segnato il debutto da sceneggiatore di uno scrittore popolarissimo come Nick Hornby, che ci ha raccontato di questa sua esperienza.

Nick Hornby ci racconta del lavoro di sceneggiatore in An Education

Nick Hornby ci racconta del lavoro di sceneggiatore in An Education

Nick Hornby è uno degli scrittori di maggior successo degli ultimi anni. I suoi libri diventano best seller quasi automaticamente, e da molti anni il cinema attinge alla sua opera: da Febbre a 90° fino ad About a Boy, passando per il celeberrimo Alta fedeltà, i romanzi e le storie del più famoso tifoso dell’Arsenal del mondo hanno dimostrato di funzionare anche sul grande schermo. Ma finora Hornby si era ben guardato dal farsi coinvolgere come adattatore dei suoi stessi romanzi, preferendo debuttare nelle vesti di sceneggiatore cinematografico con una storia originale non sua, il libro di memorie di Lynn Barber.

"Non ho mai avuto voglia adattare uno dei miei libri: per me il lavoro finisce quando il libro è finito,” ci ha raccontato Hornby. "Quando ho delle idee preferisco iniziare qualcosa di nuovo, invece di rovinare il vecchio.” E la nuova storia in questione, quella di An Education, lo scrittore l'ha vissuta in maniera molto personale: "Con questa vicenda ho molti punti in comune, alcuni non li capisco bene ma mi coinvolgono emotivamente. Per me la relazione tra una ragazza di periferia e la città è molto interessante, è un argomento di cui ho già scritto, anche se in modo diverso. E ho pensato che questa fosse una storia insolita, divertente e triste allo stesso tempo: una combinazione piuttosto rara."

Un altro degli elementi di interesse dello scrittore per la storia di An Education risiedeva nel periodo storico che viene raccontato, quello dell’Inghilterra degli anni Sessanta, quando il paese era in procinto di vivere ed affrontare un grande cambiamento. Un cambiamento di cui si sentiva sotterraneamente il bisogno, come poi testimoniato anche dalle vicende dei singoli personaggi. “È proprio così: una delle cose su cui mi son concentrato prima di iniziare la stesura è stata come il personaggio di David abbia fatto entrare gli anni Sessanta in casa di Jenny, prima che arrivassero gli anni Sessanta nel paese. Il vecchio e rigido sistema di classi sociali tipicamente inglese stava cominciando a scricchiolare, così come il ruolo della donna iniziava a cambiare. C’è una famosa poesia del poeta inglese Philip Larkin che dice:” Il rapporto sessuale iniziò nel 1963". Qui siamo nel 1962, è l’anno che precede l’inizio della rivoluzione sessuale. È stato un anno importante per l'Inghilterra.”

Nel passaggio dalla letteratura al cinema, comunque, lo stile di Nick Hornby non sembra essere poi cambiato più di tanto. La combinazione di toni lievi e tematiche serie cui si faceva riferimento prima sono una delle caratteristiche principali dei libri dell’inglese. “È il mio modo di scrivere, il mio stile. Una delle attrattive di questo materiale, per me, era che mi dava la possibilità di esprimermi attraverso di esso: è normale essere naturalmente attratti dalle cose con cui abbiamo un’affinità. Se fosse stato troppo diverso da me e dal mio lavoro non penso che mi avrebbe interessato."

Ma l’approccio alla scrittura, questa volta, è stato più visivo del solito? Il mezzo cinema ha cambiato qualcosa? "Indubbiamente pensavo più del solito in termini visivi, anche se non credo di essere un visualizzatore brillante. Quando ho visto le prime scene che sono state girate, ne sono stato felice, perché contenevano molto di più di quello che ho messo nella sceneggiatura. Non puoi prevedere il dettaglio e l’immaginazione che l’attore conferisce al materiale. Sì, sono felice e molto sorpreso: non pensavo davvero che An Education sarebbe venuto così bene."

E le otto nomination ricevute ai BAFTA, dimostrano che lo scrittore e neo-sceneggiatore non è l'unico a pensarla così.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per l'articolo