Interviste Cinema

Money Monster a Cannes: secondo George Clooney "Donald Trump non sarà presidente"

2

Presentato fuori concorso il nuovo film di Jodie Foster da oggi nei cinema italiani.

Money Monster a Cannes: secondo George Clooney "Donald Trump non sarà presidente"

Non poteva non essere tirato in ballo Donald Trump durante la conferenza stampa a Cannes di Money Monster. Il film diretto da Jodie Foster esce oggi nelle sale contemporaneamente alla presentazione fuori concorso al Festival. La regista e i suoi attori hanno risposto alle domande dei giornalisti su questo thriller che chiama in causa crisi finanziaria ed evoluzione negativa dei media, settori ai quali l’aspirante Presidente degli Stati Uniti non è estraneo. "Non c’è da preoccuparsi perché non ci sarà un Trump presidente, è una cosa che non succederà" risponde sornione come sempre George Clooney. "Non abbiamo tutte quelle paure elencate nel suo programma. Trump è il risultato in molti modi delle news via cavo che ripetono costantemente che le stesse notizie di terrore invece di informare su cosa succeda veramente nel mondo e sul fatto che il dramma reale sia quello dei rifugiati".

In Money Monster, l'attore interpreta un conduttore TV che dispensa consigli agli americani su come investire il proprio denaro. Il problema è che questi improvvisati guru della finanza esistono realmente e la gente li ascolta. "Parte del motivo per cui io sia stato attirato da questo personaggio sono i molti difetti che possiede" continua Clooney, anche co-produttore del film. "Penso di avere una morale superiore a gente come questo tizio ma non si sa mai, e allora un confronto diretto non può che farmi bene". Il giovane investitore che ascolta consigli sbagliati è interpretato da Jack O’Connell. Anche lui deve risponde alla domanda "cosa ti ha attirato di questo film" e lo fa con quel grande senso dell’umorismo che i britannici hanno nel sangue. "Quando mi è arrivata la proposta di fare il film sapevo già che c’erano George Clooney, Julia Roberts e sapevo anche che la regia sarebbe stata di Jodie Foster. Devo dire che soltanto per tutto questo, senza leggere il copione, il progetto si presentava piuttosto attraente. Poi l’ho letto e ho visto che avrei dovuto tenere in ostaggio per tutto il tempo Clooney e ho capito che era tutto sulle mie spalle… ma la verità è che il copione era molto ben scritto".

Per Jodie Foster è il quarto film da regista. Per lei la prima volta a Cannes risale a quando Taxi Driver vinse la Palma d’Oro nel 1976. "Avevo dodici anni all’epoca e ricordo il momenti molto caotici, non c’erano barriere e i fotografi erano dappertutto. Ma essere qui, a distanza di quarant'anni in mezzo a tutti questi autori e registi che ammiro è fantastico". Parlando di Money Monster dice che "all’inizio la sceneggiatura conteneva molti più elementi di satira, ma durante la pre-produzione il film è diventato qualcosa di molto più legato alla realtà e ai tempi che viviamo. È una storia che offre molte letture, ma la cosa che più mi interessava era la relazione tra i tre personaggi principali, la vita di tre persone che si interseca e cambia nell’arco di un pomeriggio". Riguardo alla collaborazione con Clooney, Jodie Foster spiega che "non c’è niente di meglio del lavorare con un attore che è anche un regista, dunque capisce le esigenze ed è più facile dialogarci sulla messa in scena del copione", e più in generale si rende conto ora dell’importanza di lasciare sperimentare gli attori perché "quando ho diretto il mio primo film provavo a controllarli ed è stata una pessima idea, con il tempo l’ho capito".

A questo punto, ci si domanda in sala se Julia Roberts abbia mai considerato la regia. "È una domanda che mi lusinga molto quando mi viene posta, ma sulla base della mia poca pazienza nel rispondere alle domande è meglio che questo non succeda", risponde l’attrice con spirito. La Roberts racconta di essere stata contattata direttamente dal suo amico Clooney per girare questo film e di essersi preparata visitando studi televisivi "per capire quanta pressione si respiri in quegli ambienti". È lei stessa a chiudere la conferenza con parlando di un sogno che si avvera, “essere a Cannes per la prima volta con tutti questi fantastici attori diventati miei amici".

Trailer italiano del film:

Leggi anche la recensione di Money Monster.

Tutto sul Festival di Cannes 2016.



  • Giornalista cinematografico
  • Copywriter e autore di format TV/Web
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming