Interviste Cinema

La lotta sarda fra l’arcaico e il moderno: incontro con Salvatore Mereu, fuori concorso a Venezia con Assandira

6

Assandira è un film sui padri e i figli, sulla cultura antica sarda e le spinte moderne del turismo, ce ne ha parlato il regista Salvatore Mereu da Venezia, dove il film è presentato fuori concorso.

La lotta sarda fra l’arcaico e il moderno: incontro con Salvatore Mereu, fuori concorso a Venezia con Assandira

La Sardegna sospesa fra il rispetto della natura e della sua anima antica, ancestrale se non arcaica, e la modernizzazione, l’apertura al turismo e alle tentazioni tavolta facili. Un padre e un figlio. Un tema forte, ancora radicato nella sua terra, per Salvatore Mereu, autore interessante e sempre attento che con Assandira porta fuori concorso a Venezia 77 una storia di Giulio Angioini pubblicata da SellerioCostantino, il padre, è interpretato da un’icona sarda come Gavino Ledda, scrittore di Padre Padrone, poi portato sullo schermo dai fratelli Taviani e vincitore della Palma d’oro.

“Poteva essere un rischio scegliere lui, ma dopo pochi minuti mi sono rassicurato”, ci ha detto Mereu a Venezia. “Gavino era la scelta naturale, ha nel suo viso quel mondo, semmai la preoccupazione era che lo vivesse come Gavino e non Costantino. Ma lui ha subito gettato il cuore oltre l’ostacolo. La generazione del figlio Mario, invece, è in bilico. Non ha fatto sedimentare i valori della tradizione, visto che è nata troppo tardi, è partita tavolta perdendo riferimenti, ma è una generazione ricca che va rispettata anche se non c’è stato passaggio di testimone con la precedente. Oggi la difficoltà è trovare il proprio posto al mondo, e chi è giovane la sente in maniera ancora più forte.”

Un progetto che nasce dalla lettura del libro anni fa, mentre stava lavorando a Bellas mariposas, il suo film precedente del 2012. “L’idea di farne un film non mi ha mai abbandonato, ma la genesi dei miei film è sempre lunga, perché se fai in Italia oggi film con non attori e lingua del posto non è semplice trovare le risorse per farli. In questo particolare progetto la RAI ha creduto da subito, fin dallo sviluppo, né mi ha mai condizionato, ho fatto il film come me l’ero immaginato. Una delle ragioni per cui ho scelto questo libro è che dietro il racconto c’era il difficile rapporto con le comunità esterne, con l’approdo alla modernità per una terra vissuta come arcaica e venduta come tale in maniera consapevole, con Costantino che si trova dietro un meccanismo quasi da reality contro la sacralità del mondo e della natura in cui è cresciuto. Supera tutto questo per amore del suo unico figlio. L’ordine naturale per lui però prevale. Moltissimi hanno trovato giovamento dal turismo che ha generato anche benessere, ma stravolgendo vite e sensibilità, modi di sentire e stare in un luogo. Si può pagare un prezzo del genere?”

“Questo film non è solo per la Sardegna ma per la Terra”, ci tiene a sottolineare Gavino Ledda. “Recitare in sardo mi ha aiutato perché in italiano mi poteva trasportare verso il teatro, il cinema è un’altra cosa. È in atto un movimento tellurico in tutto il mondo, l’umanità deve prendere atto che la terra non è nostra, dobbiamo rispettarla, Costantino vuole il rispetto della natura, la salvezza verrà dall’arte e dal buon uso della scienza”.

Una convivenza stagionale non facile quella fra sardi e turisti. “Non voglio sostenere che chi viene da fuori non sia benvoluto”, aggiunge Mereu “così come che questo sia specificamente un film sardo. Parliamo di cose che conosciamo, non sono questioni solo sarde, anche se una realtà come la nostra di isolamento crea maggiore sommovimento. È difficile il rapporto con il mondo in cui viviamo, cerchiamo di alzare l’asticella del lecito e del possibile, fino a che la natura si riprende il proprio posto, ricacciandoci indietro. In Assandira c’è un disordine familiare, con un padre che ha un figlio che non è quello che avrebbe sognato e voluto, una nuora che sembra la cattiva gettando scompiglio, ma a sua volta forse è vittima del suo compagno. Sullo sfondo c’è la consueta paura del nuovo e del diverso.”

Assandira di Salvatore Mereu, dopo la presentazione fuori concorso al Festival di Venezia 2020, uscirà nelle sale dal 9 settembre.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming