Schede di riferimento
Interviste Cinema

Incontro con i doppiatori italiani del film Rio

Carlos Saldanha, regista della trilogia de L'era glaciale, passa dalle atmosfere gelate dei suoi popolarissimi film a quelle calde e colorate di Rio de Janeiro. E' sua infatti la regia di Rio, il nuovo cartoon della Fox.

Incontro con i doppiatori italiani del film Rio

Incontro con i doppiatori italiani del film Rio


Il cinema d'animazione è sempre più intento a superare se stesso, in una continua sfida tecnica e creativa che stimola i vari studios concorrenti e a produrre prodotti sempre migliori. Rimasto orfano di Chris Meledandri, Carlos Saldanha, regista della trilogia de L'era glaciale, non si scoraggia, e passa dalle atmosfere gelate dei suoi popolarissimi film a quelle calde e colorate di Rio de Janeiro. E' sua infatti la regia di Rio, il nuovo cartoon della Fox - seconda produzione in 3D dei Blue Sky Studios - che inaugurerà il 7 aprile Cartoons on the Bay a Santa Margherita Ligure (alla presenza dello stesso Saldanha) e uscirà il 15 aprile in 700 copie nei cinema di tutta Italia.

E' stata scelta una caldissima domenica di aprile per presentare il film alla stampa romana, e per farci incontrare i doppiatori della versione italiana: Fabio De Luigi (Blu, il pappagallo ara protagonista), la conduttrice Victoria Cabello (Gioiel, la pappagallina che con Blu è l'ultimo esemplare della sua razza), Pino Insegno (Il tucano Rafael), il cantante Mario Biondi (Miguel, il perfido cacatua australiano bianco), e un debuttante d'eccezione come il campione di calcio e commentatore sportivo José Altafini (il bulldog Luiz). Dal momento che la versione italiana nasce in stretta collaborazione con Sky, ci sono anche il conduttore di Sky Cinema Francesco Castelnuovo e il direttore di Sky Tg 24 Emilio Carelli, che debuttano - e se la cavano egregiamente - con i ruoli di Tipa e Armando, i due imbranati scagnozzi del contrabbandiere di animali esotici. Questo è uno di quei casi in cui i doppiatori non hanno ancora visto il film. "Abbiamo visto solo gli anelli in bianco e nero con delle scritte sopra, tipo 'proprietà della Fox, chiunque diffonda e guardi queste scene infrange la legge, compreso tu che lo stai doppiando e non lo sai'", scherza Fabio De Luigi, non nuovo al doppiaggio dei film d'animazione (Madagascar, Toy Story 3), che ci confessa di avere un debole per i nuovi cartoni animati: "Li vedo tutti, ne sono proprio appassionato. Il primo che ho amato molto è Shrek, che è stato anche il primo a rompere con la vecchia tradizione. Quando a un certo punto nel primo film dicono "ora non vi mettete a cantare" avrei voluto saltare in piedi e applaudire! Ma per ricchezza di forma e contenuti direi che il mio preferito è Up".
Victoria Cabello, che condivide i gusti di Fabio, ci dice che: "all'inizio ero un po' inibita dal microfono, mi sentivo costretta, senza potermi muovere. Poi grazie al nostro straordinario direttore del doppiaggio, Marco Guadagno, ho capito che invece dovevo muovermi, che se corri corri, se voli voli, a volte se mangi mangi davvero, come diceva Pino Insegno. Muoverti ti aiuta a entrare nel personaggio. Per quanto riguarda le inflessioni da dargli mi ha aiutato anche il fatto che, essendo di madrelingua inglese, sentivo in cuffia le sfumature che gli aveva dato l'attrice in originale (Anne Hathaway, ndr) e mi facevo un po' guidare da lei".

Nonostante il livello di lettura di Rio sia più ad altezza di bambino e meno ricco di riferimenti per i grandi, Victoria ci tiene a dire che "so che mi prendono tutti in giro, e forse ce l'ho visto solo io, ma i due pappagalli incatenati insieme mi hanno ricordato Dolls di Takeshi Kitano". Mario Biondi, altissimo e dal vocione profondo, anche dal vivo incute una certa soggezione, ed è bravissimo nel dare la voce al villain animale del film. "Sai, ho 6 figli, devo portarli al cinema gratis e ho bisogno di soldi per mantenerli - scherza - per cui cerco di allargare la mia attività anche al doppiaggio, grazie a Marco Guadagno e a Pino Insegno. Questo è il secondo film di animazione che faccio, dopo Rapunzel, ho un ruolo un po' più grande e canto una canzone estremamente difficile perché devo passare dal recitativo al canto a una specie di rap. La musica è di Sergio Mendes, un grande maestro della musica brasiliana. E' un lavoro difficilissimo quello del doppiatore, anche se sono abituato al contatto col microfono ho avuto anch'io i miei momenti di apnea". Anche lui grande appassionato di cartoni ("li vedo tutti, non me ne perdo uno") passa la palla - è il caso di dirlo - a José Altafini, unico autentico brasileiro del film, simpaticissimo e spiritoso come il suo personaggio. "Il primo film d'animazione che ho visto è stato Bambi e mi ricordo che mi piacque tantissimo. Chissà però se rivedendolo oggi..." "Lui ha visto l'originale" - lo interrompe Pino Insegno - "Certo, il primo, mi pare di averlo visto nel 1883 o giù di lì". Altafini confessa di essersi divertito moltissimo "anche se un po' mi dispiace che mi abbiano fatto fare la parte del bavoso, ma il cane era simpaticissimo". E aggiunge "in fondo ho usato i piedi per tutta la vita, non sapevo usare il diaframma, ed è una cosa che ho dovuto imparare". ("In realtà - lo punzecchia ancora Insegno - sul campo era doppiato da Sivori"). Per una volta, ci dice Insegno "è stato scelto di non dare agli attori dei finti accenti, delle finte inflessioni brasiliane. I dialetti secondo me non funzionano in queste cose (interviene Biondi "io ho provato a inserire una battuta in siciliano, ma Marco Guadagno mi ha guardato e mi ha detto che non era il caso"). Anche nell'originale tutti, perfino George Lopez che è latino e dà la voce a Rafael, parlavano un inglese molto pulito, senza accenti particolari". Potremmo stare ore ad ascoltare le battute e gli aneddoti che questi doppiatori un po' suigeneris e il veterano Insegno sono disposti a raccontare, ma il tempo è tiranno e dunque vi rimandiamo all'uscita di Rio il prossimo 15 aprile, per constatare con le vostre orecchie quanta simpatia e quanta vivacità abbiano saputo infondere ai personaggi di un film d'animazione che è un inno alla gioia di vivere e alla bellezza della natura, e ad una città straordinaria come Rio de Janeiro.




  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming