Interviste Cinema

Il Guerriero Dragone a Taormina : Jack Black dilaga al Festival

Il Festival di Taormina non potrebbe essere stato inaugurato in maniera più turbinosa: Jack Black, arrivato in compagnia del boss DreamWorks Animation Jeffrey Katzenberg, la produttrice Melissa Cobb e la regista Jennifer Yuh Nelson ha presentato al pubblico italiano Kung Fu Panda 2.

Il Guerriero Dragone a Taormina : Jack Black dilaga al Festival

Il Guerriero Dragone a Taormina : Jack Black dilaga al Festival

Il Festival di Taormina non potrebbe essere stato inaugurato in maniera più turbinosa: Jack Black, arrivato in compagnia del boss DreamWorks Animation Jeffrey Katzenberg, la produttrice Melissa Cobb e la regista Jennifer Yuh Nelson ha presentato al pubblico italiano Kung Fu Panda 2.

Qualche avvisaglia dell'imminente uragano c'è stata in mattinata in conferenza stampa. A dispetto dei tentativi di trascinare Black verso riflessioni relativamente più serie relative al tragitto esistenziale del Panda Po nel film ("vivere momento per momento per me è la chiave della pace interiore" o "il lato leggermente più cupo del personaggio mi permette più flessibilità come attore"), il lato clownesco del cantante-comico ha avuto presto la meglio. Quando infatti gli viene chiesto quali siano i punti di contatto tra lui e Po, Jack definisce entrambi dei "veri nerd" e sfocia in un esaltato e peraltro condivisibile "Nerd di tutto il mondo, unitevi!"
E' il preludio.

Poche ore dopo, il Festival gli dedica infatti un "Campus", iniziativa che lega incontri con attori e registi a corsi liceali e universitari. La direttrice del festival Deborah Young cerca disperatamente di contenerlo di fronte a una platea di giovani e giovanissimi, il cui entusiasmo da stadio fa toccare con mano quanto il commediante abbia fatto breccia nel nostro pubblico più di quanto si possa realizzare solo da una prospettiva critica.
E' la musica, primo amore di Black, a gestire la scena. Reduce da una partecipazione all'ultimo video dei Beastie Boys ("Make Some Noise") e dalle ultimi sessioni di registrazione del nuovo album dei Tenacious D, Jack risponde con orgoglio a chi gli domanda cosa abbia nell'iPod: "Led Zeppelin!" Urlo stupito del pubblico. "E se avessi detto i Beatles come avreste reagito?"
Alternando in un minuto le espressioni facciali che un uomo medio alterna in un mese, Jack rimpiange i White Stripes, consiglia a tutti gli AC/DC e rivela di aver desiderato da piccolo che Meatloaf fosse suo padre.

Ovviamente si parla anche di cinema. Registi preferiti? Domina la classifica il Richard Linklater di School of Rock, seguono lo Stephen Frears di Alta Fedeltà e il Michel Gondry di Be Kind Rewind.
Di quest'ultimo apprezza soprattutto l'infantile creatività, per lui una delle doti fondamentali di un regista, insieme alla capacità di renderlo parte del processo creativo e non solo un esecutore. Non si azzarderebbe comunque mai a dirigere un film per scarsità di concentrazione, e per rinforzare la sua decisione racconta di come l'amico Ben Stiller abbia lavorato per vent'anni su Tropic Thunder, con una dedizione per lui invidiabile, sin da quando ebbe l'idea del film sul set dell'Impero del Sole.
Black coglie l'occasione per prendere anche in giro il collega, ricordando che Stiller in quella circostanza rovinò un lungo piano sequenza di Spielberg cannando clamorosamente l'unica battuta che aveva, proprio alla fine della scena.

I ragazzi però vogliono sapere qualcosa in più del Black uomo e la sua personalità viene regalata in modo chiaro con poche battute: "Da piccolo ero ossessionato dall'idea di far ridere tutti", "Mia moglie ha TRE figli, non due!" e l'eloquente "Non ho ancora imparato a rilassarmi."
Molto pratico il consiglio dato a chi gli chiede come fare carriera nel mondo dello spettacolo: non fossilizzarsi su una sola branca, perché la concorrenza e spietata e non si può mai sapere dove si potrà sfondare, quindi è meglio mantenersi aperte tutte le porte.

Siamo stati contenti, più ancora di aver goduto della sua verve, di aver apprezzato un momento poetico in tanto gigionismo: tra gli spettatori un uomo lo ringrazia per aver creato, con School of Rock, un film che dia un senso all'insegnamento della vera musica. Gli porge la chitarra chiedendogli di firmarla. Da fan del lavoro di Linklater, ci sentiamo fieri di assistere a una celebrazione di quello che a nostro parere rimane il film migliore del curriculum blackiano.

In un crescendo di domande e risposte veloci, toccando anche il tema videogiochi con una citazione del suo Brütal Legend e di ultimi successi da lui graditi, l'incontenibilità porta Black a travolgere Young e pubblico presente con svariate pause cantate: esplode qui e lì in vocalizzi rock di un certo effetto, per concludere l'incontro in pompa magna con un appropriatissimo Gloria di Vivaldi.
Autoironico e buffonesco quanto si voglia, ma di una potenza vocale non indifferente.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Suggerisci una correzione per l'articolo