Interviste Cinema

Chris Hemsworth: la nostra intervista esclusiva per Heart of the Sea - Le origini di Moby Dick

106

Il film diretto da Ron Howard arriva nei cinema italiani il 3 dicembre.

Chris Hemsworth: la nostra intervista esclusiva per Heart of the Sea - Le origini di Moby Dick

New York, 22 novembre 2015.

In occasione della presentazione del nuovo film di Ron Howard Heart of the Sea - Le origini di Moby Dick (nei cinema italiani dal 3 dicembre), che porta sul grande schermo l'omonimo libro di Nathaniel Philbrick incentrato sulla storia che ispirò Herman Melville per il suo Moby Dick, abbiamo incontrato il protagonista del film Chris Hemsworth.

Heart of the Sea è il secondo film consecutivo con Ron Howard dopo Rush. Ha cambiato modo di girare trattandosi di due film completamente diversi?
No, la sua preparazione è stata sempre molto meticolosa. La grande qualità di Ron è che può seguire sempre le stesse regole e ottenere risultati ogni volta differenti. E’ un uomo che mette un sacco di cuore e tutta la sua integrità nel suo lavoro, si occupa dei dettagli più di chiunque altro. Quando lavori con qualcuno che dirige un gruppo e gli mostra quanto lo apprezzi, cercando di coinvolgere tutti nel processo creativo, senti di voler dare per lui tutto ciò che hai. Ron ottiene il massimo dagli altri perché è il primo a offrirlo.

Cosa l'ha convinta ad accettare una sfida cinematografica così impegnativa?
Ho amato l'epica dell’avventura nella sceneggiatura di Charles Leavitt, e sapevo che Ron l'avrebbe resa visivamente portentosa, ma c'erano anche dei personaggi complessi e relazioni personali molto forti. Amo quando un personaggio comincia in un modo un film e finisce da tutt'altra parte, confrontandosi sia con coloro che gli sono accanto che con l'ambiente ce lo circonda. Alla base di Heart of the Sea è un dramma umano.

Che tipo di personaggio è Owen Chase? E le somiglia in qualche modo?
L'Owen che abbiamo portato sul grande schermo è un uomo enormemente ambizioso, che è la sua migliore e insieme peggior qualità. E' per colpa della sua voglia di uccidere la balena che la nave viene affondata, ma è sempre grazie al suo coraggio che molti riescono a salvarsi dopo essere stati naufraghi per così tanto tempo. Non si arrende di fronte alle difficoltà. Non credo sia un eroe, gli estremi della sua personalità rappresentano sia il bene che il male in lui. Mi identifico con li in qualche modo, quando ero più giovane anche io avevo questo fuoco di voler provare a tutti i costi quanto valevo. Adesso però non ce l’ho più, cerco soprattutto di divertirmi in quello che faccio.

Può raccontarci del lavoro con Cillian Murphy per delineare l’amicizia tra Owen Chase e Matthew Joy in maniera così profonda pur avendo pochissime battute?
Il rapporto di amicizia tra Owen e Matthew è forse quello che ho preferito da recitare. Ho sempre ammirato molto Cillian, ha un’anima gentile e siamo stati davvero fortunati perché l’alchimia sul set è stata immediata, e questo voleva dire tutto. La scena in cui si dicono addio è stata davvero emozionante da girare, quando ne ho visto un primo montato mi ha colpito molto. Mi ripeto, siamo stati fortunati a trovare subito l’affiatamento e il rispetto reciproco.

La dieta che il cast ha sostenuto per recitare i giorni sperduti in mare è già famosa…
Quando ho cominciato il film pesavo circa cento chili, alla fine delle riprese stavo sugli ottanta scarsi. E’ stata una dieta difficile da affrontare, abbiamo iniziato con circa tremila calorie al giorno per scendere gradualmente e finire con quattrocento. Non la raccomanderei, non è stato divertente. La parte più difficile però è stata ricominciare a nutrirmi in maniera normale, ci sono volute settimane perché il mio corpo ricominciasse ad accettare ogni alimento. Per l’inizio delle riprese de Il Cacciatore e la Regina di Ghiaccio ero comunque tornato al mio peso forma.

A proposito, come mai non c’è Kristen Stewart in questo sequel?
Kristen non è ne film perché è un’altra storia, volevamo raccontare il viaggio del Cacciatore, come è diventato ciò che è. Magari ne faranno un altro tornando a Biancaneve e richiameranno Kristen, ma questa è semplicemente un’altra storia.

Visto che parliamo di progetti futuri, che ci dice del reboot di Ghostbusters?
Ho fatto il nuovo Ghostbusters perché come tutti sono un grande fan dell’originale, volevo essere parte del gruppo. Le protagoniste sono tra le migliori attrici comiche in circolazione, abbiamo improvvisato moltissimo e i risultati sono stati esilaranti. Il film poi ha un lato dark e spaventoso che mi ha sorpreso, pensavo fosse più virato alla commedia…

Le piacerebbe passare dietro la macchina da presa?
Mi piacerebbe dirigere un film a un certo punto. Devo trovare qualcosa che mi appassioni veramente, che sia disposto a seguire per un paio d’anni perché questo è il percorso che un film di solito affronta. Quando reciti entri in un progetto, ci spendi tre o quattro mesi e poi ne esci. Mi piacerebbe raccontare la storia dei miei genitori, che in passato hanno lavorato in organizzazioni umanitarie che si occupavano di bambini vittime di abusi. Io steso ancora oggi sono coinvolto in questo tipo di attività civili grazie alla Australian Childhood Foundation, che opera nel mio paese ma collabora con organizzazioni simili in tutto il mondo. Mi piacerebbe usare il potere commerciale che ho ottenuto per far puntare i riflettori su questo tipo di problemi.

Che rapporto ha con la stampa e con il modo in cui la descrive?
Sono ancora molto insicuro quando devo confrontarmi con quello che la gente pensa di me come attore. Cerco di non leggere troppo le critiche perché ancora ci rimango male se i miei film vengono accolti male oppure scrivono che non recito bene. C’è un bello scarto tra come un attore vede sé stesso e come viene visto dall’esterno. Quando appare una mia foto vestito da Thor tutti pensano che in quel costume debba sentirmi come un dio, io continuo ancora oggi a sentirmi un po’ un cretino che va a un ballo mascherato…

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming