Interviste Cinema

Captain Fantastic: Viggo Mortensen e Matt Ross a Roma, fra ricordi personali ed elezioni presidenziali

23

Il regista e l'attore hanno presentato alla Festa del Cinema di Roma un film non di supereroi.

Captain Fantastic: Viggo Mortensen e Matt Ross a Roma, fra ricordi personali ed elezioni presidenziali

Uno dei titoli di cui Alice nella Città e La Festa del Cinema di Roma vanno più orgogliose è Captain Fantastic, che non è un cinecomic, ma la storia di una famiglia bizzarra e controcorrente che ha rifiutato in blocco il consumismo per vivere nella natura senza però dimenticare un po’ di sana cultura. In rappresentanza del film sono arrivati il regista Matt Ross e il protagonista Viggo Mortensen.

Ad aprire le danze della conferenza stampa è stato il regista, che condivide qualcosa con la famiglia che ha voluto raccontare: "Captain Fantastic non è film autobiografico, però è personale. Negli anni 80 ho trascorso del tempo con la mia famiglia in alcune comuni: non erano proprio delle comunità hippy, ma abbiamo vissuto in una tenda indiana fra le montagne in isolamento. Tuttavia ho fatto questo film principalmente per spiegare cosa significhi essere padre nella società contemporanea. In qualche modo Captain Fantastic parla della mia esperienza di papà".

L'adesione di Viggo Mortensen al progetto è stata immediata e appassionata: "Questo è stato uno dei più bei copioni che abbia mai letto. Mi ha attirato per vari motivi. Essere un padre di 6 figli che vive nella foresta era già qualcosa che mi elettrizzava, ma mi interessava soprattutto il viaggio emotivo compiuto dal mio personaggio e gli ostacoli che incontra. Quando ho visto il titolo, Capitan Fantastic, mi sono detto: 'forse è un personaggio dei fumetti, è un supereroe'. Poi, leggendo la sceneggiatura, ho capito che non lo era e ho pensato che forse a un certo punto un supereroe avrebbe salvato questa famiglia. Poi ho capito che eravamo in un territorio completamente diverso. All'inizio questa famiglia mi piaceva un sacco, e mi appassionava l'evoluzione della storia in road movie".

Con le elezioni presidenziali USA alle porte, Ross e Mortensen vengono invitati a dire la loro sul duetto Clinton-Trump. Il più agguerrito è il regista: "Ciò che vediamo è imbarazzante. Siamo sconcertati, però, guardandoci intorno nel mondo, non possiamo non renderci conto che non siamo affatto soli. Pensiamo alla Russia, o all'Italia di qualche anno fa. Da noi sembra di vedere un brutto film hollywoodiano in cui un tipo uscito da un reality show è diventato il candidato di un partito importantissimo. Vedere come possibile presidente un razzista, un sessista privo di qualunque qualifica mi sconcerta profondamente".

Prima che regista, Matt Ross è un attore con un lungo curriculum alle spalle. Questa sua caratteristica ha reso più semplice il lavoro sul set a Viggo e agli altri interpreti di Captain Fantastic. E' lo stesso Mortensen a raccontarlo: "Matt è un grande attore e quindi, oltre ad aver fatto un ottimo lavoro come sceneggiatore e regista, si è rivelato bravissimo con il cast artistico e tecnico, ha creato un’atmosfera in cui è stato piacevole lavorare. Non è stato un film facile da girare, perché era un prodotto indipendente con un budget limitato, le location erano impegnative, c’erano 6 ragazzi giovani con cui costruire un’intesa e ognuno di loro aveva una sua distinta personalità. Matt ha fatto un lungo lavoro preparatorio, abbiamo trascorso del tempo con i ragazzi, facendo scalate e ascoltando musica, esercitandoci a suonare. Alla fine della prima giornata eravamo già una vera famiglia".

Viggo Mortensen è un attore che fa sempre scelte precise e che rifugge i blockbuster e la Hollywood dei divi e dei loro capricci. Considerarlo però uno che deve per forza andare controcorrente è sbagliato. Lui è un uomo mite e un artista mite: “Non ho mai avuto una filosofia lavorativa, non mi sono mai detto: ‘Devo fare un certo tipo di film, lavorare con un certo regista’. Non mi faccio domande sul budget, non penso mai all’importanza del film, allo star system. Semplicemente, mi piace fa parte di storie che vorrei andare a vedere al cinema”.

Con il personaggio che interpreta Viggo Mortensen non ha in comune solo il fatto di essere papà, ma anche altre cose: “Come Ben mi piace l’idea di essere onesto con tutti, a volte mento per non far male agli altri, sono a favore di un modello familiare basato sulla curiosità, l’integrità, il dialogo aperto: non penso sia una cosa di sinistra o di destra, è solo una questione di buon senso. Io però non sono estremo e inflessibile come Ben. Mio papà lavorava e non lo vedevano molto, ma ricordo che ci insegnava ad andare a caccia, a conoscere i nomi degli alberi, a conoscere la natura, ho imparato questo da lui, e la cosa mi ha aiutato nella preparazione del personaggio”.

Captain Fantastic uscirà nei cinema italiani il 15 dicembre prossimo.
Leggi: Captain Fantastic recensione del film con Viggo Mortensen


Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per l'articolo