Interviste Cinema

"C'era un gran bisogno di un ritorno di Mary Poppins": il nostro incontro con la protagonista Emily Blunt

51

Il nuovo film di Rob Marshall è da oggi nei cinema di tutta Italia.

"C'era un gran bisogno di un ritorno di Mary Poppins": il nostro incontro con la protagonista Emily Blunt

Mary Poppins è tornata. Più in forma che mai, severa, giusta, e con un tocco malizioso che non guasta. A vestirne i panni iconici, una Emily Blunt, assolutamente perfetta e molto simpatica, che abbiamo avuto l’enorme piacere di incontrare e intervistare a Londra in occasione dell'anteprima europea di Il Ritorno di Mary Poppins da oggi, 20 dicembre, nei cinema italiani.

Julie Andrews le ha dato la sua benedizione
E meno male! Sarei morta se avesse detto, nooo, lei nooo! (ride)

È stata voluta l’idea di regalarle un tocco di malizia?
Lei cosa pensa? (ride)

Non so se Julie Andrews avrebbe ballato il can can
Ma no, credo invece che Mary Poppins sia molto birichina, e ammiccante, e anche piuttosto insolente, e che le piacciano molto i complimenti degli uomini essendo piuttosto vanitosa.
Credo che le sue esplosioni di energia nei numeri musicali siano il momento in cui si libera di quel rigido cappottino blu, per esprimere la sua vitalità e il senso anche di abbandono alla vita. È il suo modo di tornare bambina. È strano come molte persone abbiano sottolineato questo suo modo di fare più provocante, mi ha fatto molto ridere, anche se non mi ci sono concentrata troppo. Però nei libri in effetti lo è di più.

Pensa che ci sia una matrice religiosa in questo film, nel modo in cui lei interviene a salvare le cose?
Non ci avevo mai pensato, ma non la vedrei in questo modo, il suo modo di intervenire non è definitivo, semplicemente instilla negli altri il senso di quello che bisogna fare, e credo che così sia davvero un modo molto bello di intervenire nella vita delle persone. Non punta il ditino facendo lezioncine morali su quello che bisogna fare. Semplicemente offre un punto di vista diverso, una soluzione creativa. Per questo amo molto la canzone,The Place Where Lost Things Go, è un modo davvero bello di guardare alla perdita delle cose care, in un modo che anche i bambini possano digerirlo.

Su questo set ha lavorato di nuovo con Meryl Streep
È stato fantastico. È semplicemente meravigliosa. Adoro starle accanto e stare accanto alla sua meravigliosa testa e alla sua energia. Mi fa ridere, è molto saggia e non vedo l’ora di vedere cosa riuscirà a fare in futuro. Visto che costantemente riesce a rivelare questa sua incredibile bravura e versatilità, tanto da farti chiedere ogni volta, cos’altro può fare?

Ci parli del suo nervosismo per questo ruolo
Ero molto nervosa, certamente. E sarebbe stato molto stupido non esserlo.
Però anche questa paura mi è molto piaciuta. L’ho abbracciata, e per me è stata una spinta perché sapevo che avrei detto comunque di sì, per Rob Marshall per primo, e che lui avrebbe creato una cosa diversa senza ucciderla. Quando si pensa a Mary Poppins automaticamente ci si vede bambini. Ecco, con Rob mi sono sentita al sicuro su questo sentimento. Quindi da lì il percorso è stato un lungo e appassionante viaggio alla scoperta del mio personaggio. Un percorso durato moltissimo, quasi un anno e mezzo di preparazione prima di cominciare a girare.

E lei Emily ha avuto una tata da piccola?
Ho avuto delle ragazze alla pari quando ero molto piccola, ma mia madre è sempre stata con noi quattro. Ancora oggi mi chiedo come abbia fatto.

E ha una nanny per i suoi figli?
Sì, una specie di Mary Poppins irlandese, una ragazza meravigliosa, è davvero un membro della nostra famiglia.

Che impatto ha avuto Mary Poppins nella sua vita?
Non saprei. Posso dire quello che apprezzo del suo carattere, ed è un tratto che ho cercato e cerco di rendere mio, cioè la sua totale mancanza di manipolazione nell’essere generosa. Molti pensano di essere generosi, ma poi sotto sotto, si aspettano molte cose in cambio, gratitudine o ben altro. Lei no.
Esercita la forma più pura di generosità, e di empatia.
Entra nella vita delle persone, la rimette a posto, guarisce, riconosce i tuoi bisogni, li esaudisce, e non si aspetta davvero niente in cambio. Mai. Nemmeno la riconoscenza. Tant’è che poi vola via così come arriva.

Qual è stata la canzone più difficile da interpretare per lei?
Forse la prima, Can you imagine that? Sicuramente per la tensione che avevamo tutti visto che la riascoltiamo cantare per la prima volta dopo 54 anni, e io non canto sicuramente come Julie Andrews, ma anche e soprattutto per il ritmo e le variazioni di toni, e poi per la difficoltà tecnica di cantare in orizzontale mentre sei appeso a dei cavi facendo finta di nuotare. Sì, direi sicuramente questa.

Avrei pensato dicesse “The cover is not the book”, l’accento è davvero difficile.
(Ride) Sono londinese doc, non è difficile per me! Mi sono divertita moltissimo a cantarla, è così allegra e pure un po’ volgare!

Crede che il film abbia un significato più profondo rispetto all’originale?
Credo che per creare le basi di un ritorno di Mary Poppins ci dovesse essere davvero un grande bisogno della sua presenza, e una famiglia che sta per perdere la casa, fosse davvero un buon motivo. È un problema di oggi che purtroppo si vedono ad affrontare molte famiglie.

Si ricorda la prima volta che ha visto il film del 1964?
Assolutamente sì, avevo 6 anni e nessuno mi ha mai fatto questa domanda! (ride)
Ricordo che ho pensato che volevo ballare con i pinguini. È stato il mio sogno ricorrente. Ma ho deciso di non rivederlo per questo film.

Ha incontrato Dick Van Dyke
Che emozione. Mi hanno tutti chiesto se fosse davvero lui a ballare e cantare, certo che è lui. E ancora balla meglio di tanti altri. È straordinario, magia pura, e per me è stato davvero molto emozionante stare nella stessa stanza con lui. È stato un momento davvero speciale.



Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming