Interviste Cinema

Avatar: La via dell'acqua, i fulmini di James Cameron e le paure di Zoe Saldaña, regista e cast presentano il sequel

15

Avatar 2: La via dell'acqua si avvicina. In conferenza stampa, James Cameron e il suo cast, con la new entry Kate Winslet, hanno presentato l'ambizioso sequel di un film epocale. Al cinema dal 14 dicembre.

Avatar: La via dell'acqua, i fulmini di James Cameron e le paure di Zoe Saldaña, regista e cast presentano il sequel

La lunga attesa per Avatar 2: La via dell'acqua, l'Avatar 2 di James Cameron atteso per quattordici anni, giunge al termine il 14 dicembre, quando il film sbarcherà nei cinema anche italiani: per l'occasione abbiamo assistito alla conferenza stampa con lo stesso Cameron, il suo producer Jon Landau e il cast del lungometraggio, composto da Sam Worthington, Zoe Saldaña, Kate Winslet, Sigourney Weaver e Stephen Lang. Cosa ci hanno raccontato?

Avatar 2, il fulmine che deve colpire nello stesso posto

"Steven Spielberg non ha fatto E.T. 2 perché il primo aveva avuto successo", commenta James Cameron, parlando del suo Avatar: La via dell'acqua. Un sequel non è un passaggio scontato e ti domandi se sia mai possibile scommettere su "un fulmine che torna a colpire nello stesso punto". Jim si sentiva però forte del ritorno del suo cast e della sua famiglia d'artisti, pronti a scommettere ancora sul cinema con lui. Un seguito - ci spiega - deve onorare l'esperienza del primo ma anche destabilizzare un po' lo spettatore. La storia del primo era più semplice: volevano approfondire la dinamica della famiglia, ma non solo dal punto di vista di Jake e Neytiri, anche dal punto di vista dei loro ragazzi. I temi si moltiplicano, come conferma il producer Jon Landau: si parla di mondo, ambiente, accettazione del diverso.
Sam Worthington rivela di aver letto un copione che non sarà mai realizzato, quello di un "Avatar 1.5", che racconta cos'è successo tra il primo e il secondo film: "È stato per noi un buon punto di partenza: la maggior parte delle persone si sarebbe accontentata di quello". Ma James Cameron no. Jake rimane nodale nella storia e il suo percorso è la metafora del sequel, spiega Sam: Jake aveva "aperto gli occhi" a tante cose, all'amore e a un'altra cultura, ora deve proteggerle e continuare ad aprire gli occhi su altro. Deve imparare l'empatìa, capire cosa significhi la pace, cosa significhi interagire con i propri figli.

Avatar: La via dell'acqua, le paure di Zoe Saldaña e Neytiri

Se Jake affronta nuove sfide, per Neytiri la posta in gioco non è meno alta. Zoe Saldaña continua a rivedersi nel suo personaggio, anzi aggiunge che interpretare qualcuno che caratterialmente ti somiglia molto per lei non è un aiuto, ma è più complesso, non hai distacco. Però puoi attingere alla tua esperienza: "Quando sono diventata mamma ho iniziato ad avere paura, hai paura di perdere qualcuno che ami." Neytiri nel primo Avatar aveva vissuto il dilemma dell'innamoramento per chi è straniero, chi arriva da un mondo diverso. Ora il frutto di quell'amore, i loro figli, la spingono ad altre sfide psicologiche. "La paura mi paralizzava, ora da mamma la devo affrontare".
Cameron apprezza l'analisi di Zoe: quando hai figli perdi il coraggio che avevi prima, oltretutto hai la responsabilità di non farti imitare nei comportamenti sbagliati (Jim scherza: "Ho storie che non posso raccontare qui, i miei figli hanno un embargo prima di compiere i quaranta!"). Per Neytiri c'è un cambio di priorità, che hanno dato a Zoe la possibilità di approfondire il personaggio. Sua figlia non è una guerriera come lei, reagisce in modo diverso alle cose, non è una donna alpha finché non esprime un proprio potere. "Una donna ha modi diversi di mostrare il suo potere". Leggi anche Avatar: La via dell'acqua, esaltata la reazione della critica straniera [NO SPOILER]

Avatar 2, cosa significa recitare in un film di James Cameron

Pur legata a James Cameron dall'esplosione di Titanic, solo ora Kate Winslet è entrata a far parte del cast, nel ruolo di Ronal. "Da Jim mi aspettavo il top di tutto. È meticoloso. Mi hanno sempre attratto i suoi personaggi femminili, i suoi comandano sempre, mostrano una vera forza fisica". Cameron, spiega Kate, sceglie collaboratori che accettino le sue sfide, sai già cosa ti aspetta. Com'è successo a lei, che ha sfidato se stessa (e le ansie di suo marito) con immersioni prolungate sul set. Cameron è ammirato: "Vado sott'acqua da cinquant'anni e lei ha battuto i miei tempi in un niente!"
Sigourney Weaver torna, però nei panni di una delle figlie di Jake e Neytiri, Kiri: "Nel 2010 mi aveva già parlato dell'idea. Voleva creare personaggi profondi, sono contenta di aver interpretato qualcosa di realistico. Per fortuna abbiamo avuto tempo per prepararci." Per recuperare lo spirito dell'adolescenza, Sigourney ha visitato un liceo: è dura comprendere come cambi un adolescente in quei pochi anni, come si esprima e si muova. "Ho dovuto lasciare letteralmente il mio guscio".
Sorprendente il ritorno del villain del primo film, il Miles di Stephen Lang, con modalità che non sveliamo. Lui e James Cameron hanno un rapporto cameratesco: "Io interpreto un maschio alpha, lui è un maschio alpha". I due, sappiamo ora, prima delle riprese si davano alla kick boxing per smaltire la tensione prima dei ciak. "Nel primo Miles è sostanzialmente uno squalo senza un cervello. È stato un piacere scoprire qui profondità e calore in lui. [...] Ho sentito la responsabilità [del sequel], pensavo di non essere più in gioco, ho fatto del mio meglio per essere all'altezza del compito". Lang svela anche che un momento significativo ed emozionante per il suo personaggio è stato suggerito da lui stesso a Cameron, che l'ha accettato ("Dopotutto Stephen è anche uno scrittore").
Landau si sente orgoglioso dal coinvolgimento che ha visto sui volti del cast alla proiezione di Avatar 2. Cameron gli fa eco, guardando i suoi attori e riflettendo: "In questo film tutti a loro modo hanno una forza. Devo dire che, rivedendo il prodotto finito, sono rimasto ammirato dalle performance. Sono fiero anche del modo in cui tutti i tecnici [degli effetti] hanno preservato i momenti muti e più sottili di queste interpretazioni." Ritiene che tutti loro in questo momento della nostra carriera cerchino una sfida, perciò la ricerca delle sfumature non può di certo essere compromessa da una tecnica non all'altezza della situazione. Guarda anche l'intervista: Avatar 2 - La via dell'acqua, il produttore: "Vi svelo la qualità più grande di James Cameron"

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming