• personaggi
  • biografia
NASCE A: GLASGOW (Montana) Stati Uniti
IL: 21/01/1926

MUORE A: ESCONDIDO (California) Stati Uniti
IL: 01/05/2000

Steve Reeves

Attore. Muscoloso interprete di pellicole mitologiche, diviene famoso nell'epoca d'oro di Cinecittà, fra la fine degli anni Cinquanta e l'inizio degli anni Sessanta. Ex Mister America, Mister Mondo e Mister Universo è figlio di proprietari terrieri, anche se il padre muore in un incidente subito dopo la sua nascita. A sei mesi vince il primo titolo come 'Il bambino più in salute della contea di Valley'. Nel 1936 si trasferisce in California dove alterna il lavoro come facchino per l'esercito e le esibizioni in palestra. L'improvviso sviluppo del suo fisico lo spinge a dedicarsi al bodybuilding professionale. Dopo il servizio militare, nel 1947 si aggiudica il titolo di Mister Costa del Pacifico, preludio agli altri e più prestigiosi titoli conquistati in seguito. Questi successi gli consentono di andare a studiare recitazione a New York. Dopo essere approdato ad Hollywood lavora a lungo con ruoli di secondo piano in film e serie televisive. La sua popolarità ha origine sul finire del 1956, quando il regista Pietro Francisci e lo sceneggiatore Ennio De Concini hanno l'idea di realizzare una serie di film sulla figura di Ercole proprio mentre si diffondono manuali e circoli di culturismo. E' allora che al regista italiano viene mostrata la foto del giovane attore americano vincitore di concorsi per culturisti e partner di Jane Powell nel film "Athena e le 7 sorelle" (1954, di Richard Thorpe). Reeves viene scritturato per il film "Le fatiche di Ercole" con l'unico obbligo di farsi crescere la barba. Il successo è straordinario e non solo in Italia. La pellicola esce in centinaia di copie con un lancio grandioso del distributore Joe Levine. Dopo l'inaspettato successo arriva il seguito, "Ercole e la regina di Lidia" (1959). Le pellicole segnano l'inizio del filone mitologico, dove successivamente gli eroi sono tutti, più o meno, ricalcati sul modello di Reeves. Divenuto un idolo, molto richiesto per altri film dello stesso tipo, Reeves interpreta "La battaglia di Maratona" (1959, di Bruno Vailati), "Gli ultimi giorni di Pompei" (1959, di Mario Bonnard e Sergio Leone), "Il terrore dei barbari" (1959, di Carlo Campogalliani), "Il Ladro di Baghdad" (1960, di Arthur Lubin e Bruno Vailati), "Romolo e Remo" (1961, di Sergio Corbucci), "La guerra di Troia" (1962, di Giorgio Ferroni) e "Il figlio di Spartacus" (1963, di Sergio Corbucci). Dopo le esperienze italiane, abbandona il cinema nel 1969 dopo un incidente ad una spalla. Ritirandosi in un ranch di sua proprietà negli Stati Uniti, dove alleva cavalli, passa il resto della vita a promuovere uno sport più pulito.Nel 1963 ha sposato Aline Czarzawicz, cui è rimasto legato fino alla morte di lei nel 1989.Muore ad Escondido, in California, per le conseguenze di un linfoma.

fonte "RdC - Cinematografo.it"