Meryl Streep biografia

Qui puoi conoscere la carriera e le curiosità sulla sua vita privata, leggere le notizie più recenti, trovare tutti i premi vinti e guardare le foto e i video.

share
Ha 67 Anni

NASCE A: Summit, New Jersey, USA
NASCE IL: 22/06/1949

Meryl Streep

Mary Louise Streep nasce a Summit, in New Jersey, il 22 giugno del 1949. Suo padre, di discendenza tedesca e svizzero-tedesca, lavora per l'industria farmaceutica, mentre sua madre, che ha radici inglesi, irlandesi e tedesche, è grafico pubblicitario.
Meryl cresce nella vicina Bernardsville e riceve un'educazione presbiteriana. A dodici anni comincia a prendere lezioni di canto e, dopo aver studiato recitazione al Vassar College, si iscrive alla Yale Drama School, da cui esce con una robusta esperienza di attrice di drammi shakespeariani.
Prima di interessarsi al cinema, si esibisce per qualche tempo sui palcoscenici di Broadway, dividendosi fra musical, teatro classico e grandi autori americani. E' grazie a uno di questi - Tennessee Williams - che riceve la sua prima nomination ai Tony Award: lo spettacolo è "27 vagoni di cotone".

Per Meryl Streep il debutto cinematografico avviene nel 1977, dopo alcuni sfortunati provini. Il film di esordio è Giulia e a dirigerlo c'è Fred Zinnemann.
L'anno dopo, l'attrice ottiene una parte ne Il cacciatore di Michael Cimino. L'ingaggio le fa particolarmente piacere perché le consente di stare vicino a John Cazale, l'uomo che ama e che è gravemente malato. Una volta ultimate le riprese, la Streep comincia la lavorazione della miniserie Holocaust, con cui si impone all'attenzione generale. Nonostante la morte del compagno, si getta poi in una frenetica attività teatrale, per ricevere infine la nomination all'Oscar come miglior attrice non protagonista per la sua performance ne Il cacciatore.
La candidatura all'Academy Award costituisce per Meryl Streep l'inizio di un periodo piuttosto florido. Solo nel 1979, l'attrice recita e viene applaudita in Mahattan di Woody Allen, ne La seduzione del potere e in Kramer contro Kramer, film di cui cambia in parte la sceneggiatura e che la porta a vincere l'Oscar come miglior attrice non protagonista.

Gli anni 80 segnano per la Streep il definitivo passaggio a ruoli da protagonista. Degli undici film in cui recita nell'arco del decennio, sono da segnalare innanzi tutto La donna del tenente francese (1981), nel quale ricopre un doppio ruolo e affianca Jeremy Irons, e La scelta di Sophie (1982), che le impone di calarsi nella difficile parte di una donna polacca che abbandona la figlia in un lager per poter salvare se stessa e l'altro figlio. L'interpretazione le vale il suo primo Oscar come miglior attrice protagonista.
Se nel 1984 Meryl Streep ritrova Robert De Niro nel romantico e devastante Innamorarsi, nel 1985 forma una coppia perfetta con Robert Redford, suo compagno di set ne La mia Africa di Sydney Pollack. Nel 1986 è la volta di Jack Nicholson, che incontra sul set di Heartburn - Affari di cuore. Il 1989, invece, è l'anno del premio per la migliore attrice al Festival di Cannes (dove presenta Un grido nella notte) e della sua prima parte comica, (in She-Devil: Lei, il diavolo).

Negli anni 90 la carriera di Meryl Streep continua ad andare a gonfie vele e arriva anche la stella sulla Walk of Fame di Hollywood. Pur conservando un certo interesse per il cinema d'autore, come dimostra Cartoline dall'inferno (1990) di Mike Nichols, Meryl inizia a non disdegnare un cinema più popolare. Il film che le porta maggiore fortuna sta a metà fra queste due strade, perché a dirigerlo ci pensa un grande regista, ma a ispirarlo è un best-seller non proprio di alta letteratura: parliamo de I ponti di Madison County (1995), in cui l'attrice fa la parte di una casalinga che vive una bellissima parentesi amorosa con un fotografo. Negli anni 2000 la Streep è in tutto e per tutto l'attrice più richiesta di Hollywood. I registi amano la sua versatilità, il suo coraggio e la sua voglia di mettersi completamente in gioco, impersonando ora una cinquantenne in salopette che canta i brani degli ABBA (Mamma Mia!, 2008), ora la buffa zia di due tristi orfanelli (Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi, 2004), ora l'autrice di un famoso libro di cucina (Julia & Julia, 2009). Se i film che le recano maggiore successo sono Radio America (2006) e Il diavolo veste Prada (2006) - in cui dà vita all'indimenticabile Miranda Priestly, direttrice di una prestigiosa rivista di moda - la critica la apprezza soprattutto ne Il ladro di orchidee (2003) e in The Hours (2003). Quest'ultimo, tratto dall'omonimo romanzo di Michael Cunningham, le fa vincere, insieme a Julianne Moore e Nicole Kidman, L'Orso d'Argento a Berlino. Da non dimenticare, sempre a inizio Duemila, l'incursione di Meryl in film che affrontano argomenti politici: The Manchurian Candidate (2004), Rendition (2007) e Leoni per agnelli (2007), diretto dall'amico Robert Redford. Nello stesso decennio, Meryl Streep viene acclamata anche per la miniserie Angels in America, nella quale recita con Al Pacino.

Il terzo Oscar Meryl Streep lo vince nel 2012, interpretando Margaret Thatcher in The Iron Lady di Phyllida Lloyd. Due anni dopo lo sfiora grazie alla sua performance ne I segreti di Osage County, che le regala lo scomodo ruolo un'arcigna capo famiglia.
Dopo l'esperienza di The Giver nel 2014, nel 2015 la Streep si prepara a raccogliere i frutti di Into the Woods, il film di Rob Marshall basato sull'omonimo musical di Stephen Sondheim e ispirato da celebri fiabe tradizionali.
Prossimamente vedremo inoltre l'attrice in Suffragette, in cui, nei panni di Emmeline Pankhurst, si batterà per l'estensione del diritto di voto alle donne.

Filmografia
Florence (Florence Foster Jenkins)
Dove eravamo rimasti (Ricki and the Flash)
Suffragette (Suffragette)
Into the Woods (Into the Woods)
Lascia un Commento