Jeff Bridges biografia

Qui puoi conoscere la carriera e le curiosità sulla sua vita privata, leggere le notizie più recenti, trovare tutti i premi vinti e guardare le foto e i video.

share
NASCE A: Los Angeles, USA
IL: 04/12/1949

Jeff Bridges

Jeffrey Leon Bridges, uno degli attori più carismatici della sua generazione, oltre che produttore e mucisista country, ha all'attivo oltre 40 anni di carriera (molti di più se si considerano le sue prime apparizioni televisive). Nasce a Los Angeles in una consolidata famiglia appartente al mondo dello spettacolo. E' infatti il figlio di due attori: il celebre Lloyd, volto noto al pubblico cinematografico e televisivo, scomparso nel 1998, e Dorothy Simpson, morta nel 2009. Il fratello maggiore Beau è un altro rinomato interprete. Anche se inizia da bambino a recitare, dopo il liceo il futuro premio Oscar studia al prestigioso Herbert Berghof Studio di New York, dove si sono formati molti suoi valenti colleghi tra cui Jack Lemmon, Al Pacino, Anne Bancroft, Gene Wilder e Liza Minnelli.

Con la capacità di recitare nel DNA, a 2 anni appare per la prima volta sullo schermo in un film intitolato N. N. vigilata speciale, tra i 9 e i 10 ha un ruolo ricorrente nella serie tv Sea Hunt e tra i 13 e i 14 in The Lloyd Bridges Show. Appare poi in show come Il cavaliere solitario, Lassie e FBI prima di riaffacciarsi sullo schermo, nel 1970, nel film drammatico Halls of Anger, dove fa parte di un gruppo di ragazzi bianchi trasferiti in un liceo in precedenza per soli neri. Il ruolo che fa la differenza arriva nel 1971, ed è quello di Duane Jackson nello struggente L'ultimo spettacolo di Peter Bogdanovich, per il quale viene candidato all'Oscar come non protagonista. Un'altra ottima performance la offre l'anno successivo in Città amara di John Huston, in cui interpreta un pugile. Nel 1974 arriva la sua seconda nomination per Una calibro 20 per lo specialista di Michael Cimino, dove è il giovane ladro d'auto che si trova casualmente ad affiancare il rapinatore interpretato da Clint Eastwood. Negli anni successivi lo vediamo impegnato sulla strada del cinema più commerciale, come il remake di King Kong del 1976, grande successo, in coppia con Jessica Lange. Il suo bell'aspetto sembra candidarlo naturalmente a star, ma alla fine sarà l'anima da caratterista a prevalere. Nel 1980 torna a lavorare con Michael Cimino nel mitico ma travagliato I cancelli del cielo, passato alla storia come il film che ha fatto fallire la United Artists. Due anni dopo è coprotagonista dell'avveniristico Tron (e nel 2010 tornerà nel sequel Tron: Legacy), film diventato di culto. Nello stesso anno è protagonista della commedia romantica con Sally Field C'è... un fantasma tra noi due e nel 1985 viene di nuovo candidato all'Oscar e al Golden Globe, stavolta come protagonista, per il ruolo dell'alieno nel commovente Starman, film di fantascienza che è una delle pochissime incursioni nel mainstream del regista John Carpenter. Seguono i thriller Doppio taglio e Il mattino dopo e il film biografico di Francis Ford Coppola: Tucker: un uomo e il suo sogno (1988). Nel 1989 in I favolosi Baker recita in coppia col fratello Beau e l'anno successivo torna con Bogdanovich nel poco ispirato sequel de L'ultimo spettacolo, Texasville.

I Novanta sono l'anno della sua maturità, che sforna alcune delle sue prove migliori: è il dj depresso che fa amicizia con l'homeless Robin Williams nel toccante La leggenda del re pescatore di Terry Gilliam, il sopravvissuto di Fearless di Peter Weir (1993), lo psicopatico di The Vanishing, l'ex carcerato di American Heart, il bombarolo irlandese di Blown Away, l'innamorato di Barbra Streisand in L'amore ha due facce e soprattutto, nel 1996, è l'indimenticabile Drugo, o Dude, nel Grande Lebowski dei fratelli Coen, film - e personaggio - che danno origine a un vero e proprio culto pop. Nel 1999 interpreta l'apprezzato thriller Arlington Road, recita poi per Albert Brooks in La dea del successo e nel 2001 con The Contender ottiene un'altra candidatura all'Oscar e al Golden Globe.

Nel 2005 torna a lavorare con Terry Gilliam in un piccolo e intenso ruolo in Tideland. Nel frattempo coltiva anche la carriera musicale: ha inciso il primo album nel 2000 10 anni dopo, nel film che finalmente gli porta l'atteso Oscar e il premio della Screen Actors Guild, Crazy Heart, canta nel ruolo di un cantante country ispirato all'amico e collega Kris Kristofferson. Tra gli altri film del periodo, appare come Obadiah Shane in Iron Man (2008) e lavora in L'uomo che fissa le capre. Nell'anno dell'Oscar, il 2010, esce Il Grinta, dove è di nuovo diretto dai fratelli Coen nel ruolo che fu di John Wayne. Per il film ottiene nel 2011 una nuova nomination all'Oscar. Recita poi nel fallimentare R.I.P.D. - Poliziotti dall'aldilà, ma si riscatta col fantasy distopico The Giver - Il mondo di Jonas. Il libro di Lois Lowry da cui è tratto era la lettura preferita delle figlie e Bridges, che lo produce, da tempo desiderava portarlo sullo schermo col padre nel ruolo che poi interpreterà. Ma i diritti si sbloccano troppo tardi, anche se, in proprio, l'attore gira una versione casalinga e ovviamente inedita della storia. Nel 2014 fa parte del cast corale del fantasy Il settimo figlio, diretto da Sergej Bodrov e con Julianne Moore. E' Master Thomas, lo stregone che insegna le arti magiche al personaggio di Ben Barnes.
Nel 2015 incide un disco di musica ambient intitolato Sleeping Tapes.
E' sposato dal 1977 con Susan Geston che gli ha dato tre figlie ed è diventato nonno nel 2011. E' un noto filantropo e autore di bellissime foto sui set, raccolte in un libro nel 2003.

Filmografia
Hell or High Water (Hell or High Water)
  • ANNO: 2016
  • Attore
Il Piccolo Principe (Le Petit Prince)
Il Settimo Figlio (Seventh Son)
Lascia un Commento