Poster
VOTO DEL PUBBLICO
  • Currently 4,5/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Grazie del tuo voto

VALUTAZIONE

9/10 - 85 voti

Jack Torrance - ex istitutore e scrittore in crisi con tendenza all'alcoolismo - nella speranza di ritrovare se stesso e l'ispirazione accetta di fungere da custode per la stagione invernale dell'immenso e deserto Hotel Overlook, sulle Montagne Rocciose. Dieci anni prima, in analoghe circostanze, un uomo, prima di suicidarsi, ha fatto a pezzi le due figliolette e la moglie. Jack è al corrente dei precedenti, ma non se ne cura e raggiunge il posto con la moglie Wendy e il figlioletto Danny di sette anni. Il cuoco di colore Hallorann, dotato di "luccicanza" o preveggenza come Danny, è l'unico a temere il peggio. In realtà, mentre scorrono le settimane, Danny rimane sempre più spaventato poiché, con le sue doti parapsichiche, vede fiumi di sangue scorrere e incontra personaggi della tragedia di dieci anni prima. Jack, sempre più stralunato, scrive all'infinito la stessa frase: "Il mattino ha l'oro in bocca". Wendy Torrance tenta di salvare il figlio e se stessa quando Jack cade preda di raptus omicida. Hallorann, allarmato per la mancanza di notizie e di comunicazioni, giunge all'hotel in tempo per subire l'aggressione del pazzo e per porgere agli altri due una via di salvezza. Jack finirà nel grande labirinto del giardino grazie all'infantile astuzia di Danny.

  • FOTOGRAFIA: John Alcott
  • MONTAGGIO: Ray Lovejoy
  • MUSICHE: Wendy Carlos, Rachel Elkind
  • PRODUZIONE: WARNER BROS., HAWK FILMS, PEREGRINE, PRODUCERS CIRCLE
  • DISTRIBUZIONE: PIC - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI) - LASERDISC, DVD: WARNER HOME VIDEO
  • PAESE: Gran Bretagna
  • DURATA: 146 Min
  • FORMATO: NORMALE

CRITICA:

"Più che un film dell'orrore, può essere definito un thriller fantastico di parapsicologia, "gotico" e dinamicamente frenetico. Kubrick spinge Nicholson a un istrionismo così forsennato da riuscire sgradevole a molti". (Laura e Morando Morandini, "Telesette") "Il film preso come spettacolo, colpisce per la sua perfezione e originalità ma lascia anche un po' perplessi per la sua vicinanza con prodotti impostati sull'eccesso di effetti traumatizzanti". ("Segnalazioni cinematografiche")

SOGGETTO:

romanzo omonimo di Stephen King

Il Cast

Vedi Tutti