MADAME BOVARY

share

MADAME BOVARY

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
  • Currently 2,8/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Grazie del tuo voto

VALUTAZIONE

5.6/10 - 16 voti

Emma, giovane ed irrequieta figlia di un agricoltore francese, sposa il dottor Charles Bovary. Questo matrimonio, malgrado la bontà e le premure di un marito fedele e affezionato, e la nascita di una bambina, Berthe, va in crisi. Sempre annoiata, un po' altezzosa, amante dei begli abiti e insofferente dell'uggia familiare, Emma accetta con speranza che Charles si trasferisca a Thionville. Conosciuto l'assistente di un notaio, Leon, flirta con lui; partito Leon per Parigi, resta affascinata dai modi e dalle insidiose parole del marchese Rodolphe Boulanger e ne diviene l'amante. Charles continua ad adorare la moglie, che nel frattempo è caduta nelle grinfie di un ricco commerciante di stoffe, strozzino e ricattatore. Poichè Madame Bovary ama il lusso, i debiti contratti con costui (per suo consiglio lei è riuscita perfino a farsi rilasciare dal marito una procura) conducono Emma al disastro. Con provvedimento del Tribunale, su richiesta del creditore, i beni del dottore vanno sotto sequestro. Rodolphe, che a suo tempo si era rifiutato di portare Emma a Parigi con sè, rifiuta ora di darle del denaro per impedire l'esecuzione del sequestro. Frattanto ricompare Leon - da sempre innamorato di lei - ed Emma cede anche a lui, andando spesso in carrozza a Rouen (sotto il pretesto di assister a rappresentazioni di opera lirica), con il consenso del consorte, ignaro della tresca. Anche al giovane Emma, disperata, chiede un prestito, ma non ne ottiene che vaghe promesse. Assillata dagli eventi e respinta dagli amanti, Emma induce un apprendista che lavora in farmacia a darle dell'arsenico. E non le resta che il suicidio, davanti al marito sbigottito e incredulo che ancora l'ama teneramente.

  • FOTOGRAFIA: Jean Rabier
  • MONTAGGIO: Monique Fardoulis
  • MUSICHE: Matthieu Chabrol
  • PRODUZIONE: MARIN KARMITZ (MK2 PRODUCTIONS S.A.) CED PRODUCTIONS, FR3 FILMS PRODUCTIONS, PARIS
  • DISTRIBUZIONE: ACADEMY PICTURES (1991) - PANARECORD
  • PAESE: Francia
  • DURATA: 140 Min
  • FORMATO: PANORAMICA A COLORI

CRITICA:

Bei costumi, belle case, begli ambienti, ma il film s'infiamma soltanto nel finale. Bravi anche gli interpreti maschili. (Alfio Cantelli, Il Giornale).Funereo e splendido film. (Mirella Poggialini, L'Avvenire).L'alleanza Chabrol Huppert fornisce dopo "Violette nozière" e "Un affare di donne" un nuovo grande personaggio femminile. (Lietta Tornabuoni, La Stampa).Isabelle Huppert è semplicemente bravissima. Probabilmente, la più grande attrice di questi anni. (Irene Bignardi, La Repubblica).Qui Isabelle Huppert, attrice di indubbie doti, classe e temperamento non ci è parsa l'attrice adatta a impersonare Emma, così poco passionale e così assente. (Franco Colombo, L'Eco di Bergamo)

SOGGETTO:

TRATTO DAL ROMANZO OMONIMO DI GUSTAVE FLAUBERT

fonte "RdC - Cinematografo.it"

Il Cast

Vedi Tutti