La tela dell'assassino

share

TWISTED

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
  • Currently 3,7/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Grazie del tuo voto

VALUTAZIONE

7.4/10 - 13 voti

Una giovane investigatrice dalla vita privata assai turbolenta viene coinvolta nelle indagini su una serie di omicidi. Scopre così che tutte le vittime sono suoi ex fidanzati o amanti occasionali. Ossessionata dai ricordi (venti anni prima suo padre era stato un serial killer che aveva agito con le stesse modalità prima di assassinare sua moglie ed uccidersi a sua volta) la poliziotta si rende conto di cadere vittima di improvvisi blackout mentali proprio in coincidenza degli omicidi. Comincia, così, a sospettare di se stessa.

  • FOTOGRAFIA: Peter Deming
  • MONTAGGIO: Peter Boyle (II)
  • MUSICHE: Mark Isham
  • PRODUZIONE: INTERTAINMENT AG, KOPELSON ENTERTAINMENT, PARAMOUNT PICTURES, BLACKOUT PRODUCTIONS INC.
  • DISTRIBUZIONE: EAGLE PICTURES
  • PAESE: USA
  • DURATA: 97 Min

CRITICA:

"Destinata da anni a vedersela brutta con 'Collezionisti' e altro, Ashley Judd, vittima designata dei maniaci del 2000, ne 'La tela dell'assassino' ('Twisted') prende in mano la situazione e, nelle notti sporche di San Francisco diventa coraggiosa detective, come la Lee Curtis in 'Blue Steel'. (...) Film di consumo dell'ex autore Philip Kaufman, con buon ritmo poliziesco, volti noti (Samuel L. Jackson, Andy Garcia) e sentimenti confusi, tra cui primeggiano gelosia e possessione. La Judd imbrocca un bel carattere di donna decisa, tutrice anche del suo ordine sessuale." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 27 settembre 2004)"Il regista Philip Kaufman, veterano con un passato di qualità, dirige il traffico, con un fin troppo disinvolto dosaggio degli avvenimenti, disseminando il racconto di situazioni fuorvianti. Incomprensibile la presenza all'inizio di un personaggio che, fatte le dovute dichiarazioni circa l'affetto che lo lega a Jessica, sparisce per riapparire nel finale in un desolante 'arrivano i nostri'. In realtà c'è da scegliere tra due soluzioni, entrambe prevedibili, anche a causa di una sceneggiatura convenzionale, che il povero Kaufman tenta di tenere in piedi con almeno la dignità del mestiere. La soluzione finale per uno spettatore medio, già a metà percorso, vale quanto la dichiarazione firmata di un reo confesso. E la bella e brava Ashley Judd è ancora una volta sprecata in una pellicola di genere, che sarebbe meglio definire degenere." (Adriano De Carlo, 'Il Giornale', 26 novembre 2004)"Ancora un caso torbido per l'ispettore Ashley Judd che, in 'La tela dell'assassino' di Philip Kaufman, si dimostra all'altezza dei protagonisti maschili che si chiamano addirittura Al Pacino e Samuel L. Jackson. Sparatorie, inseguimenti, indagini, belle scenografie, regista navigato e cast indovinato, ma questo serial-thriller dal sapore noir promette più di quello mantiene. E finisce banalmente per rivelarci ciò che sappiamo del primo giallo della storia del cinema. E cioè che assassini e poliziotti condividono le stesse ossessioni." (Roberta Bottari, 'Il Messaggero', 10 dicembre 2004)

Il Cast

Vedi Tutti