I colori della passione

share

The Mill and The Cross

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
  • Currently 3,3/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Grazie del tuo voto

VOTO COMINGSOON
  • Currently 2,5/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

VALUTAZIONE

5.8/10 - 40 voti

Uno degli artisti e cineasti più avventurosi e ispirati di oggi, Lech Majewski, invita lo spettatore a vivere dentro all'epico capolavoro del maestro fiammingo Pieter Bruegel, La salita al Calvario (1564): la tela riproduce la Passione di Cristo ambientando la scena nelle Fiandre del XVI secolo, sconvolte dalla brutale occupazione spagnola. Il protagonista della narrazione è il pittore stesso intento a catturare frammenti di vita di una dozzina di personaggi: la famiglia di un mugnaio, due giovani amanti, un viandante, un'eretica, la gente del villaggio e i minacciosi cavalieri dell'Inquisizione spagnola.

CRITICA:

Utilizzando la tecnologia digitale in modo innovativo, mescolando su più livelli blue screen, paesaggi reali, fondali dipinti e figure in carne ed ossa, stratifica il suo film e il suo racconto, che diventa partecipata lezione di storia dell’arte e riflessione sul gesto creativo, documento di un’epoca e saggio di filosofia artistica. Magari affascinante ma non di facile fruizione, I colori della passione trova però alcuni limiti nell’atteggiamento sempre un po’ scolastico e pedante degli artisti che si prestano (più o meno spesso o continuativamente) al cinema: il risultato è un debito emozionale che fa rimpiangere riferimenti immediati e diretti come i Greenaway, i Tarkovskij e i Sokurov. (federico gironi)

Il Cast

Vedi Tutti