HIGH SPIRITS - FANTASMI DA LEGARE

Titolo originale: HIGH SPIRITS

share
Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto

Carico di un grosso debito verso un americano, Peter Plunkett, ultimo rampollo di nobile schiatta irlandese, trasforma il suo castello tra paludi e brughiere in un hotel per turisti agiati e in cerca di emozioni, in ciò aiutato da camerieri ed uomini di fatica, che provvederanno a far da fantasmi. Un gruppo di turisti d'oltre Oceano arriva sul posto e si installa tra i vecchiumi dello scomodo maniero, dove i finti fantasmi si producono fin dalla prima sera in apparizioni tra il patetico ed il macchinoso. Riprendono però vigore i fantasmi veri, soprattutto la coppia Martin Mary, condannati da due secoli a ripetere la scena di lui che, nel dì delle nozze, pugnala la sposina ritenuta a torto fedifraga e di questa in lacrime, con replica la notte successiva. Finchè i ruoli si intrecciano e scambiano, poichè la bionda Sharon (figlia del creditore americano, deciso da parte sua a venire in possesso del castello irlandese) è circuita dal bramoso Martin, mentre Mary si innamora di Jack (il marito di quella) il quale, stanti i non pochi problemi con Sharon, la ricambia con trasporto. Fra tutti si aggira Plunkett, che beve whisky, organizza spaventose cene a base di merluzzo e pensa al suo incerto avvenire. Poi i turisti, presto seccati e delusi, partono; i fantasmi finti tornano a far da servi e giardinieri e il castello molto probabilmente non passerà in mani americane: vi resteranno le ombre innocue di tutti gli antenati Plunkett insieme al loro inguaiato discendente.

  • SCENEGGIATURA: Neil Jordan
  • FOTOGRAFIA: Alex Thomson
  • MONTAGGIO: Michael Bradsell
  • MUSICHE: George Fenton
  • PRODUZIONE: STEPHEN WOOLLEY, DAVID SAUNDERS
  • DISTRIBUZIONE: MEDUSA DISTRIBUZIONE (1989) - RICORDI VIDEO
  • PAESE: Gran Bretagna
  • DURATA: 95 Min
  • FORMATO: PANORAMICA 35 MM
Curiosità:

La storia appare abbastanza briosa e amena. La colonna sonora è curata da George Fenton ed è un ben dosato collage di motivi irlandesi, gradevoli per spunti melodici e trascinanti nei ritmi scatenati. (Segnalazioni Cinematografiche) Da una storia vagamente ispirata a "Il fantasma galante" di René Clair, Jordan realizza un film moderatamente divertente e sicuramente diretto al grande pubblico. Clair era un'altra cosa: nonostante qualche trovata fantasiosa, il film di Jordan è l'ennesima riprova che i tempi cambiano. (Francesco Mininni, Magazine italiano tv) Neil Jordan riprende un vecchio canovaccio di René Clair. Ma non è all'altezza di Clair e nemmeno a quella dei suoi film precedenti. (Teletutto) Farsa fantastica, eccentrica, abbastanza insopportabile per il disperdersi dell'intreccio in lunguaggini melense e inutili. Gli effetti speciali e il folto cast funzionano. Le musiche orecchiano motivi irlandesi. (Laura e Morando Morandini, Telesette)

SOGGETTO:

BASATO SUL TESTO DI MICHAEL M. MOONEY


fonte "RdC - Cinematografo.it"
Lascia un Commento
Lascia un Commento