Un sogno per domani

share

Pay It Forward

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
  • Currently 4,1/5 Stars.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Grazie del tuo voto

VALUTAZIONE

8,2/10 - 54 voti

Trevor è un ragazzo di undici anni che vive con una madre che lavora dalla mattina alla sera per sbarcare il lunario. Trevor è solo ed introverso ma, nonostante la sua giovane età, è più maturo della madre ed è infatti lui a prendersi cura di lei. Eugene Simonet, il suo insegnante di scienze sociali, gli insegna ad avere speranza. In effetti Eugene all'inizio di ogni anno assegna lo stesso compito: trovare un modo per cambiare il mondo e metterlo in pratica. Il primo passo che Trevor fa per mettere in pratica il suo "sogno per domani" è quello di far mettere insieme sua madre e Eugene.

CRITICA:

" 'Un sogno per domani', da un romanzo di Catherine Ryan Hide, immagina che un ragazzino undicenne suggerisca a scuola un metodo per migliorare il mondo: che ciascuno faccia tre buone azioni, imponendo un reciproco impegno, in modo che il cerchio si allarghi restituendo il favore, come dice il titolo originale 'Pay it forward'. Non sarà una rivoluzione, ma in famiglia qualcosa si aggiusta: il ragazzo cerca di recuperare un giovane drogato; il prof. diventa secondo papà dopo che il primo, John Bon Jovi, viene di nuovo cacciato; la mamma perdona la nonna barbona (per la 'recherche' del cinema, sì è proprio lei, Angie Dickinson) e alcuni colpacci del destino sono in serbo, mentre un giornalista dal Nevada arriva a fare il suo scoop sullo scoppio dalla bomba della Bontà. Ma i tempi di Frank Capra sono definitivamente tramontati. La regista Mimi Leder, già impegnata nell'azione di 'Deep impact', sceglie qui i mezzi toni del melodramma di famiglia, ma con la volontà di cambiare il mondo secondo il buonismo americano, come fosse la vendetta contro il cinismo di 'American beauty'. Però, insinua l'idea che forse tutti dovremmo incominciare a casa". (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 17 marzo 2001)"Quel che dà fastidio in 'Un sogno per domani' è l'insistenza sull'idea della redenzione ottenuta attraverso il sacrificio, impantanatura di cristianesimo culminante in una processione finale nella profana Las Vegas. Tanta bigotteria, impiegata per suscitare singhiozzi a scopo di box office, finisce col guastare il piacere che potrebbe offrirci l'ottimo cast. Fatto salvo il piccolo Osment, i due titolari di statuetta sono immersi in ruoli di grandi feriti della vita difficili da sopportare anche con le migliori intenzioni ". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 1 aprile 2001)

SOGGETTO:

ROMANZO DI CATHERINE RYAN HYDE

Il Cast

Vedi Tutti